WEN INTENSIFICA LOTTA ANTI-CORRUZIONE

Pechino, 5 apr.- Il premier cinese Wen Jiabao ha chiesto diincrementare gli sforzi per combattere la corruzione, ma lasituazione resta ancora "grave" ed il compito e' "estremamentearduo". Nonostante gli sforzi anti-corruzione operati dalgoverno lo scorso anno, in Cina alcuni settori restano "inclinialla corruzione", cio' e' dovuto alla mancanza di regole oall'inefficiente applicazione della legge e della supervisione.Lo ha dichiarato Wen Jiabao in un discorso rilasciato martedi'25 marzo durante il meeting anti-corruzione del Consiglio diStato. Nel suo discorso Wen ha tracciato per il 2011 una seriedi priorita' per quanto riguarda la lotta anti-corruzione dellaCina, dal momento che il governo lotta per prevenireinadempienze da parte dei funzionari, come abuso di potere eomissione di doveri d'ufficio. I funzionari, le loro famiglie e i loro assistenti nonpotranno interferire o manipolare gare d'appalto e offrireattivita', inoltre saranno obbligati a rendere pubblico il loropatrimonio e l'occupazione dei loro familiari, saranno ancheritenuti responsabili di aver ricevuto bustarelle, sia incontanti che in titoli o in carte di pagamento. In aggiunta, hacontinuato Wen, ai dirigenti delle aziende statali non sara'concesso di ottenere guadagni illeciti attraverso la gestionedi affari e commerci attinenti. La Cina, nel corso dello scorsoanno, ha fatto progressi nel fronteggiare le lamentele deicittadini e nel ridurre i costi amministrativi, tuttavia, ilPaese deve ancora affrontare una situazione di sviluppoestremamente complicata. Il premier ha sottolineato che alcuniproblemi a breve e a lungo termine si intrecciano con losviluppo sociale ed economico del Paese, aggiungendo che alcunecontraddizioni sociali sono diventate relativamente evidenti. Oltre alla corruzione, questi problemi potrebberominacciare lo sviluppo e la stabilita' del Paese se non gestiticorrettamente, ha dichiarato Wen, promettendo di migliorare lasalvaguardia dei legittimi interessi delle persone e tagliarele spese eccessive dei funzionari del governo, vietandoseveramente le espropriazioni illecite e forzate dei terreni ele demolizioni di case, aggiungendo che il sistemaamministrativo ha bisogno di essere riformato per attenuare ilpotere di alcuni uffici governativi. Wen ha anche chiesto dimigliorare l'efficienza degli uffici governativi e ilrafforzamento della supervisione dei funzionari principali. Perridurre le spese amministrative, il governo limitera' i viaggid'affari all'estero e riformera' il sistema di servizio autodel governo. Saranno ridotti anche tutti i lussi relativi aiviaggi d'affari e ai ricevimenti dei funzionari, mentre verra'tagliato il numero delle riunioni e dei documenti. Il premierha infine esortato le amministrazioni del governo a renderepiu' trasparenti le spese con la pubblicazione dei bilanci. Intutta la Cina, nel 2010, circa 146mila funzionari sono statipuniti per violazioni disciplinari, di questi 5.373 sono statirinviati a giudizio. Lo scorso anno, inoltre, secondo i datiforniti dal Consiglio di Stato, sono state ridotte del 5,8% lespese dell'amministrazione, inclusi viaggi all'esterofinanziati dal governo, veicoli acquistati e le spese per iricevimenti. .