Veloster punta sull'originalità

È certamente una di quelle auto che fare discutere i puristi del design, perché o ti prende al primo sguardo oppure non riesci ad inquadrarla. La Hyundai Veloster si presenta come una "quasi" coupé e rivela la fantasia del costruttore coreano. Fresca, frizzante e irriverente, da un lato si esibisce con le classiche due porte e dall'altro solo con una. Uno "scherzo" dello stile che alimenta la sua originalità, ma che al tempo stesso apre la vista ad un abitacolo studiato per coloro che amano l'hi-tech. A parte contagiri e tachimetro tutto il resto è dominato dall'era digitale. La plancia, definita da un disegno teso e deciso, si identifica nella consolle centrale che spicca grazie allo schermo touch screen. Chi siede davanti non soffre la mancanza di spazio, mentre chi si trova dietro deve fare i conti con l'altezza ridotta.
La nuova Hyundai Veloster è disponibile per ora con un'unica motorizzazione, in attesa del turbodiesel e forse di un propulsore più sportivo. Si tratta di un'unità a benzina a iniezione diretta da 1,6 litri. Tradotto in numeri significa 140 cavalli di potenza e 167 Nm di coppia motrice a 4.850 giri/min. Abbastanza per toccare i 200 km/h, ma soprattutto per consumare 6,5 l/100 km nel ciclo combinato ed emettere 148 g/km di CO2 (137 con il dispositivo Stop & Go). A regolare la cavalleria alle ruote anteriori ci pensa un cambio manuale a sei rapporti, ma è disponibile anche un'inedita trasmissione a doppia frizione Dct con paddle al volante. Su strada, la Veloster, mostra la sua indole di vettura sportiva, stabile e veloce, che ha sposato l'ideale di "compromesso" per poter essere pronta a mordere, ma anche a "coccolare". Merito di questa doppia anima è della taratura dell'assetto.
La dotazione di serie è completa e tra gli altri comprende i cerchi in lega e il climatizzatore automatico. Due gli allestimenti previsti, Comfort e Sport, che possono essere arricchiti con dei pacchetti di accessori dedicati.
I prezzi partono dai 21.900 euro della Hyundai Veloster 1.6 Comfort, mentre la Sport è in listino a 23.500 euro (prezzi tutti "chiavi in mano", Ipt esclusa). Il cambio Dct è offerto come optional su tutte le versioni a 1.490 euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

10/10/2011