USA: OBAMA MANDA AMBASCIATORE IN CINA UN POTENZIALE AVVERSARIO

(AGI) - Washington, 16 mag. - Avrebbe potuto essere il piu'temibile avversario di Barack Obama nelle elezioni del 2012, mail presidente statunitense ha risolto il problema offrendogliun incarico che non puo' rifiutare: ambasciatore in Cina. Obamaimpone cosi' un'altra svolta a una consuetudine di Washington enomina un repubblicano a un posto delicato e solitamenteriservato a uno degli uomini piu' vicini al presidente. Ma agarantire per il governatore repubblicano dello Utah, JohnHuntsman, c'e' niente di meno che Jeff Bader, direttore anzianodegli affari asiatici nel Consiglio di sicurezza nazionale. Huntsman, che parla mandarino fluente e conosce bene larealta' cinese per il periodo che vi ha passato da missionariomormone, ha incontrato il capo di gabinetto di Obama, RahmEmanuel, prima di avere accesso allo Studio Ovale. Il governatore dello Utah ha ammesso di essere rimastoprofondamente sorpreso dall'offerta venuta dallo staff dellaCasa Bianca, dato che lui stesso era il vicepresidente dellacampagna elettorale di John McCain. Ma quando Obama in personagli ha confermato di volerlo come suo rappresentante a Pechino,gli ha detto che per quanto lo riguardava bastava questo e hacitato un proverbio cinese che piu' o meno suona cosi':"insieme lavoriamo, insieme andiamo avanti". Considerato un moderato nelle fila repubblicane, Huntsmane' stato vice-inviato per il commercio Usa dal 2001 al 2003 edal 1992 al 1993 ambasciatore a Singapore. Obama, si legge inuna nota della Casa Bianca, "sa che il governatore ha rispettoper le orgogliose tradizioni cinesi e che egli sa cosa serveper rendere l'America piu' competitiva nel 21mo secolo edifendera' gli interessi e gli ideali degli Stati Uniti anchein Corea del Nord. Sara' franco con gli amici cinesi quando, adesempio si affronteranno argomenti suo quali siamo indisaccordo, come i diritti umani e la democrazia". (AGI) Uba161846 MAG 09