Pechino varia il portafoglio

L'idea torna ricorrente, e spesso dalle parole si è passati ai fatti. Dall'inizio dell'anno, però, la diversificazione delle riserve valutarie cinesi - nel senso di un progressivo rallentamento degli acquisti di dollari - ha avuto una brusca accelerazione. Secondo le stime della Standard Chartered Bank, i tre quarti dei nuovi flussi di denaro destinati dalla Banca del popolo alle valute estere, sono stati impiegati per acquistare asset in monete diverse dal dollaro Usa.
È una svolta: la quota della valuta statunitense è sempre stata relativamente stabile, e compresa tra il 60 e il 70 per cento del totale. Non è chiaro però se la manovra rappresenti una vera ristrutturazione del portafoglio legata a scelte strategiche di politica valutaria o, più semplicemente, il semplice desiderio di sfruttare i più interessanti rendimenti di molti titoli europei, per i quali la Cina ha esplicitamente ammesso il suo interesse. (R.Sor.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

22/06/2011