PECHINO SOSTIENE LO SVILUPPO ECONOMICO DEL TIBET

Pechino, 30 marzo - Il forte supporto finanziario al Tibetgarantito dal governo cinese, insieme ai grandi investimentinei progetti pi� importanti, hanno svolto un ruolo fondamentalenello sviluppo economico e sociale della regione. La maggiorparte degli investimenti che i governi locali in Tibet hannoutilizzato per risollevare l�economia proviene da Pechino. Lestatistiche rivelano che i trasferimenti di credito al Tibet,tra il 1959 e il 2008, ammontano a 22 miliardi di euro: ogni100 euro che la regione utilizza per il progresso economico, 90derivano dal governo cinese. Per accelerare lo sviluppo dellaregione autonoma, a Pechino si sono tenuti quattro simposi dilavoro pro Tibet rispettivamente nel 1980, 1984, 1994 e 2001,con lo scopo di fornire pi� prestiti finanziari e investire neisettori chiave del paese. I simposi hanno permesso di creareaccordi con le province, le regioni e i municipi per garantireassistenza al Tibet. Nel gennaio 2007, il governo centrale hadiscusso e adottato il piano quinquennale pro Tibet(2006-2010), impegnandosi ad investire 8 miliardi di euro perrealizzare 180 progetti. Con il sostegno economico da partedella Cina, l�aggregato economico del Tibet dai 155 miliardi dieuro nel 1984 � passato a 1550 miliardi nel 2001, per arrivareai 4400 miliardi nel 2008, con un tasso di crescita annualepari al 12%. Nel 2006, il PIL del Tibet ha superato i 1000 europro capite, un traguardo per il paese che non � pi� all�ultimoposto dell�economia in Cina.