PECHINO CONTRO GOOGLE: BASTA PORNOGRAFIA SU INTERNET

Pechino, 18 giu - Pechino continua la sua battaglia contro lapornografia su Internet. Questa volta e' Google a meritare ilbiasimo del Governo Cinese: la CIIRC (China Internet IllegalInformation Reporting Centre) ha fortemente condannato i linkche il motore di ricerca fornisce, definiti dalla CIIRC"osceni" e pornografici. Google era gia' stato richiamato agennaio e ad aprile, e secondo la CIIRC- "Google China noncensura i contenuti pornografici nei risultati delle suericerche, non rispetta cosi' le leggi del governo cinese chegiudica illegale ogni tipo di contenuto pornografico, erappresenta un pericolo per i minori". La CIIRC richiede cheGoogle China censuri i suoi risultati e che, in caso contrario,vengano presi dei provvedimenti e venga applicata la leggecontro la pornografia. Questo intervento rientra nella lottacontro la pornografia lanciata all'inizio di quest'anno dalgoverno di Pechino: i maggiori motori di ricerca del Paese,come Baidu e Google China, sono stati coinvolti in questacampagna, cosi' come piu' di mille siti web che sono statioscurati dalle autorita' per i loro contenuti pornografici edosceni.