LOUIS VUITTON FA CAUSA ALLA CINA

Shanghai, 6 mar. - Si e' aperta ieri la causa giudiziaria mossadalla compagnia francese Louis Vuitton Matellier contro unacompagnia di Shanghai, accusata di aver venduto prodotti falsicon il marchio francese. Gli imputati finora sono tre: WuBeiwen, una azionista della Shanghai Zhongwen Trade Co. Ltd.,suo padre e suo marito. La Louis Vuitton li accusa di averviolato i propri diritti sul marchio di fabbrica piazzando sulmercato cinese merce contraffatta. La compagnia franceserichiede quindi che la Shanghai Zhongwen Trade Co. Ltd. vengainterdetta dalla vendita di prodotti con marchio Louis Vuittone chiede altresi' un risarcimento in denaro di oltre 100 milaeuro. Lo scorso agosto la polizia cinese ha reperito in unnegozio di Shanghai di proprieta' della Zhongwen 230 prodottiin pelle, orologi e capi d'abbigliamento che portavano i marchidella Louis Vuitton, Gucci e Chanel. Il valore di tali prodottiera di quasi 200 mila euro. Secondo i magistrati Wu Beiwen e isuoi partner d'affari avevano iniziato la vendita di prodotticontraffatti nel 2001, dando poi vita alla compagnia ShanghaiZhongwen Trade Co. Ltd. Al fine di facilitare questi trafficiillegali. Dal settembre 2002 all'aprile 2004 la compagnia di WuBeiwen ha subito diverse multe, ma ha comunque continuato ilproprio giro d'affari conseguendo grandi profitti. La LouisVuitton ha gia' vinto una causa lo scorso marzo contro unalbergo della provincia meridionale del Guangdong che avevaaffittato i propri spazi a un rivenditore di merce rubata amarchio francese.