L'Harry Potter dell'It cinese

Per i giovani cinesi è un maghetto. Non tanto, o non solo, perché di Harry Potter ha il sorriso timido e fragile che fa a braccio di ferro con una determinazione di granito. Ma perché grazie a lui i teenager dell'ex Celeste Impero annullano distanze, comunicano istantaneamente, giocano online o sul cellulare, si vestono in maniera sportiva, creano e interpretano stili di vita. Lui è Pony Ma, 38 anni, fondatore e Ceo di Tencent, la più importante società cinese di messaggerie istantanee, nonché produttrice di portali e giochi sul web, di giocattoli e di abbigliamento sportivo, di servizi online. Il suo vero nome è Ma Huateng. Pony è un soprannome inglese, che trae origine dal cognome Ma, che in cinese significa "cavallo". La costruzione del business che ha fatto di Pony Ma uno degli uomini più ricchi di Cina, e allo stesso tempo ha cambiato il modo in cui i giovani cinesi si incontrano, si scambiano idee e si divertono, si è basata su momenti di pura determinazione e di coraggiosi passaggi dall'offerta di servizi totalmente gratuiti sul web alle prime forme sperimentali di pagamento. Alla fine le difficoltà sono state sormontate perché Tencent non ha creato un semplice sito web, ma una vera e propria comunità di giovani, un social network di persone che interagiscono tra di loro, giocano e consumano. Qualcosa che i loro genitori non hanno mai avuto la possibilità di fare.
Alf. S.


Pony Ma

Cina

Tencent Holdings

Un fiuto non banale per i gusti e le tendenze della sterminata gioventù cinese. È stata la bussola che ha permesso a un giovane e riservato tycoon di indirizzare la corazzata internet verso un business flessibile e di grande successo

29/12/2009