IL VIAGGIO DEL CANCELLIERE TEDESCO A PECHINO

 

Diritti umani, Merkel a Cina: "Dialogo sia libero"

 

Pechino, 8 lug. - In visita in Cina per firmare importanti contratti commerciali, Angela Merkel non ha dimenticato di sollevare il tema dei diritti umani, ricordando i meriti della caduta del Muro di Berlino e raccontando agli studenti l'importanza del fatto che "in un Paese il dialogo sia libero". Le parole del Cancelliere tedesco sono in contrasto rispetto alle recenti visite a Pechino di leader occidentali, i quali -evidentemente interessati soprattutto ai rapporti commerciali con la più grande economia del mondo- si sono sempre ben guardati dal fare osservazioni in pubblico in tema di diritti umani.

 

In un discorso pronunciato in tedesco, in cui evidentemente le parole erano state attentamente scelte, la Merkel - che è cresciuta nell'ex Germania dell'Est- ha parlato alle elite studentesche dell'Università Tsinghua, a Pechino. "Per me questo dialogo è importante", ha detto, "perché 25 anni fa, quando ci fu la rivoluzione pacifica nella ex Ddr, questo portò alla caduta del Muro di Berlino e ci ha permesso di avere un dialogo libero". "Penso che sia importante anche qui in Cina avere un tale dialogo libero".

 

L'intervento della Merkel, in un auditorium del campus di Tsinghua, si è tenuto poco più di un mese dopo il 25esimo anniversario della sanguinose repressione delle proteste di piazza Tienanmen, un evento che le autorità cinesi hanno costantemente cercato di cancellare dalla memoria storica dell'opinione pubblica. La Merkel, che è cresciuta nella Germania comunista, dove le libertà erano fortemente limitate e lo Stato attuava uno spionaggio sistematico e pervasivo delle vite di ciascuno, ha aggiunto anche che "è importante che i cittadini possano avere fiducia nel potere della legge, e non nella legge dei potenti. E' importante -ha proseguito- anche avere leggi al riguardo, che tutelino i principi. E voi avete bisogno di una società aperta, pluralistica e libera per poter forgiare con successo il vostro futuro".

Merkel è al suo settimo viaggio in Cina da quando è stata nominata Cancelliera (2005); e la sua missione è stata in gran parte concentrata su temi commerciali. Lunedì i due Paesi hanno firmato una serie di accordi commerciali e di investimento, tra cui anche quello su due nuovi stabilimenti Volkswagen e un altro per la vendita di 123 elicotteri Airbus.

 

08 luglio 2014

 

LEGGI ANCHE:


MERKEL IN CINA, ACCORDO PER DUE NUOVI IMPIANTI VW


MERKEL IN CINA DA SABATO PER INVESTIMENTI

 

@ Riproduzione riservata