Facebook parla mandarino

Kaixin il clone. Da una parte c'è Facebook, dall'altra Xiaonei e Kaixin. La Cina ha preso il meglio del Web 2.0 e ne ha fatto una copia in mandarino che ha stracciato l'originale. Se Facebook è al 56° posto nel traffico locale, il suo clone Kaixin ("Felice") è al 13°. Un fenomeno anche di clonazione interna: vedi kaixin001.com e il successivo kaixin.com. La differenza la fa la lingua, visto che Facebook ha aperto da poco la versione cinese. Il plus sono invece la musica ascoltabile sul sito, sondaggi e giochi, tra cui per esempio rubare il parcheggio agli amici o pagarli virtualmente per fare qualsiasi cosa. Con 30 milioni di membri, Kaixin ha ormai sorpassato la prima copia fedele di Facebook, Xiaonei.com. E nel frullatore dei social network sono finiti anche i cani, i cui padroni si ritrovano su goumin.com.
Gabriele Barbati
© RIPRODUZIONE RISERVATA

30/04/2009