DUE MILIONI DI YUAN PER OGNI MINATORE SALVATO

DUE MILIONI DI YUAN PER OGNI MINATORE SALVATO

Pechino, 7 lugl.- Oltre 200mila euro per ogni minatore estratto vivo: questa la ricompensa offerta ai soccorritori coinvolti nelle operazioni di salvataggio nella miniera di carbone di Heshan, nella regione Autonoma del Guangxi. Forti precipitazioni si sono abbattute sabato sulla miniera, causando un enorme allagamento che ha trascinato giù 22 minatori. Prima del crollo 49 minatori sono riusciti a fuggire in tempo, evitando di essere inghiottiti dalla voragine di fango. Sei dei 19 minatori intrappolati si trovano adesso a 320 metri sotto terra e secondo quanto affermato da Zhou Changqing, vice capo del comando di soccorso, hanno alte probabilità di sopravvivenza.

 

Le autorità locali hanno reso nota l'entità della ricompensa per i soccorritori così da incentivarli a dare il massimo sforzo durante le operazioni di soccorso. E secondo quanto riportato dall'agenzia Xinhua, più di 80 soccorritori stanno scavando incessantemente giorno e notte nel tunnel di fango per cercare di raggiungere i minatori.

 

Nel frattempo tre corpi sono stati recuperati e cremati mentre le famiglie delle vittime hanno firmato contratti di risarcimento dai 400 ai 600 yuan (40-60 euro) con la compagnia che aveva in gestione la miniera, la Guangxi Heshan Coal Mining Company.

 

"Siamo molto addolorati per quanto successo, la nostra compagnia adesso è sotto pressione dal punto di vista mentale e morale", ha affermato Yang Yaodong, direttore della compagnia, assicurando poi alle famiglie dei minatori ancora intrappolati che la compagnia farà il proprio meglio per salvarli.

 

Yang ha inoltre promesso che verranno adottati quanto prima strumenti tecnologici più avanzati in modo da migliorare le condizioni di lavoro dei minatori così da evitare simili tragedie in futuro.

 

Intanto, quello nella città di Heshan è solo uno dei numerosi incidenti che hanno colpito le miniere cinesi negli ultimi tempi. Secondo la Xinhua, contemporaneamente all'incidente verificatosi sabato nel Guangxi, un altro incidente è avvenuto in una miniera nella provincia di Guizhou, dove 23 minatori sono rimasti bloccati. Nella tarda serata di mercoledì, inoltre, una miniera nella provincia dello Shandong è stata colpita da un incendio che ha coinvolto 28 persone dopo che altri 8 minatori sono riusciti a mettersi in salvo.

 

Il numero delle vittime di incidenti nelle miniere in Cina è preoccupante: secondo le statistiche, circa 2.433 persone sono morte in queste circostanze nel 2010, per un media di 6 persone al giorno. È alquanto nota la scarsa sicurezza che affligge le minieri cinesi e l'altrettanta reticenza delle autorità su questo tema. Secondo i gruppi per i diritti dei lavoratori, il numero della vittime nel corso degli ultimi anni sarebbe più alto, ma si tende a mantenere segrete questo genere di informazioni per salvaguardare gli interessi economici delle compagnie responsabili ed eventuali punizioni a loro carico.

 

Giovanna Di Vincenzo

 

©Riproduzione riservata