CRONISTORIA SCHERMAGLIE CINA-USA

CRONISTORIA SCHERMAGLIE CINA-USA

 23 marzo: La mossa di Google arriva nella notte tra il 22 e il 23 marzo, tarda serata in Italia: la versione cinese del motore di ricerca reindirizza verso Google.com.hk, una mossa che dovrebbe sbloccare i contenuti sgraditi al governo. I siti oscurati, però, continuano a rimanere tali, colpiti dai filtri software cinesi: digitando da Pechino sulla versione di Hong Kong parole "sensibili" come "Dalai Lama", "Massacro Tiananmen", "Falun Gong" e "Rebiya Kadeer", tanto in cinese che in inglese, si accede esclusivamente ad una pagina vuota. Anche l'accesso a siti come YouTube, Twitter o Blogger, che in Cina erano bloccati da mesi, risulta impossibile, mentre quello a Picasa o Google Documents è esageratamente lento. "Crediamo che questo nuovo approccio di fornire contenuti non censurati in cinese semplificato attraverso Google Hong Kong rappresenti una soluzione assennata alle sfide che abbiamo affrontato - si legge in un comunicato di David Drummond, vice presidente senior e responsabile affari legali della compagnia californiana -,si tratta di una misura interamente legale, che comporterà un significativo incremento nell'accesso alle informazioni per il popolo cinese". Pechino ha reagisce furiosamente: "Le compagnie straniere che operano in Cina devono rispettare le leggi cinesi, - sostiene una nota diffusa dal China's State Council Information Office - e riteniamo completamente sbagliato sbloccare i filtri attivi sul motore di ricerca e muovere accuse infondate alla Cina in merito agli atti di pirateria informatica. Ci opponiamo fermamente alla politicizzazione delle questioni commerciali ed esprimiamo il nostro risentimento e la nostra rabbia verso gli attacchi e le irragionevoli pratiche di Google". 

 

22  marzo 2010: Alle 21:46 ora di Pechino, le 14:46 in Italia, non è stato diffuso alcun annuncio ufficiale sul destino di Google.cn.


21 marzo 2010: Si moltiplicano gli attacchi della stampa cinese che bolla come "ridicola" la mossa di Google di tentare di cambiare le politiche cinesi e "senza fondamento" gli attacchi al governo di Pechino. L'agenzia di stampa ufficiale Xinhua accusa Google di avere "un'agenda politica": "Sfortunatamente, quello che impariamo dal caso Google, è che Google China non sta facendo business, ma sta portando avanti un tentativo di utilizzare internet come strumento di infiltrazione culturale e di valori. È inevitabile chiedersi se Google sia davvero una compagnia commerciale, e quali siano le vere intenzioni di chi la sostiene nell'ombra". L'articolo sostiene che nessuno Stato sovrano potrebbe mai acconsentire a una diffusione tramite internet di contenuti che promuovono "la sovversione, l'odio razziale, l'estremismo religioso, il terrorismo"  o che incitano alle "cosiddette rivoluzioni colorate".


19 marzo 2010: Il quotidiano China Business News riporta le dichiarazioni di un funzionario anonimo di un'agenzia pubblicitaria, tra i più stretti partner del colosso di Mountain View, secondo le quali la data di chiusura di Google.cn, il 10 di aprile, sarebbe già stata decisa. La decisione sarebbe sul punto di essere ufficializzata con un comunicato atteso per lunedì 22. La portavoce di Google China, Marsha Wang, non ha commentato la notizia, limitandosi a dichiarare che "non ci sono novità sulla situazione della compagnia". L'articolo del China Business News è solo l'ultimo a riferire una serie di voci secondo le quali la rottura tra Cina e Google sarebbe ormai cosa fatta: la settimana precedente il Financial Times, riportando un'altra fonte anonima, aveva già sostenuto che la decisione di abbandonare sarebbe stata presa"al 99.9%"; secondo vari media cinesi, inoltre, Google avrebbe già comunicato a clienti e partner la data precisa della chiusura.


16 marzo 2010: Il portavoce del ministero del Commercio Yao Jian dichiara che alcune multinazionali a stelle e strisce hanno già svolto un'azione di lobbying contro le recenti restrizioni alle importazioni del Dragone in America, e che spera che il loro numero aumenti: "Speriamo che le compagnie americane esprimano il loro punto di vista al governo americano - ha detto Yao - per promuovere insieme il commercio globale e opporci insieme al protezionismo". Il richiamo di Yao arriva proprio mentre si moltiplicano le accuse allo yuan, che il presidente del Fondo Monetario Dominique Strauss-Kahn definisce ancora una volta "sottostimato".


15 marzo 2010: Dura chiusura dell'Assemblea Popolare Nazionale da parte di Wen Jiabao: "Le relazioni sino-americane sono uno dei cardini della nostra diplomazia, e si tratta di qualcosa la cui portata trascende il mero rapporto tra i due paesi - dice il premier - ma i recenti incontri dei leader USA con il Dalai Lama e la vendita di armi a Taiwan hanno violato la sovranità e l'integrità territoriale cinese, deteriorando le relazioni tra i due paesi. Un deterioramento la cui responsabilità è statunitense, e non cinese". Wen Jiabao si dice di nuovo "preoccupato" per la sicurezza degli investimenti del Dragone in America e chiede al governo americano di prendere altre misure per proteggere gli investitori stranieri che acquistano Treasury Bonds USA. "I rapporti tra Cina e America erano iniziati in maniera propizia dopo l'insediamento del Presidente Barack Obama. Adesso, le due parti dovrebbero promuovere i rapporti bilaterali attraverso il dialogo, la cooperazione e la partnership, anziché tramite  il contenimento e la rivalità. Relazioni pacifiche e fiducia reciproca vanno a beneficio di entrambi; il confronto e il sospetto danneggiano entrambi". Ma è sul fronte dell'apprezzamento dello yuan che Wen Jiabao si è mostrato più duro, in quella che appare come un'ulteriore replica a distanza alle parole di Barack Obama."Un tasso di cambio dello yuan basato sul mercato è un contributo essenziale per gli sforzi di riequilibrio nei commerci internazionali" aveva dichiarato il presidente USA l'11 marzo scorso, e la risposta di Wen non si è fatta attendere: "Non credo che il tasso di cambio dello yuan sia sottostimato - ha detto il premier cinese - e la politica in materia di tassi di cambio di una nazione dovrebbero essere basati esclusivamente sulla sua situazione economica interna. Le mosse di alcuni paesi per aumentare le proprie esportazioni sono comprensibili. Ciò che non capisco è quando queste nazioni svalutano la propria moneta e nello stesso tempo spingono per l'apprezzamento di altre valute. Ritengo che questo sia protezionismo".


12 marzo 2010: Il Wall Street Journal riferisce che Google sarebbe pronto a sbloccare i contenuti sgraditi al governo di Pechino. Anche se alla notizia non segue alcuna mossa concreta da parte del motore di ricerca, la Cina attacca: "È irresponsabile e sleale il fatto che Google insista nel fare qualcosa che va contro le leggi e i regolamenti cinesi, e se prosegue su questa strada dovrà inevitabilmente affrontare delle conseguenze" dichiara il ministro per l'Industria e l'Information Technology Li Yizhong.


9 marzo 2010: Pechino tenta di rassicurare Washington sui suoi investimenti in bond americani: "Il mercato dei buoni del Tesoro USA è il più vasto del mondo e le nostre riserve in valuta estera sono enormi. L'importanza dei Treasury Bonds per la Cina, quindi, è facilmente intuibile" dichiara Yi Gang, direttore della State Administration of Foreign Exchange - l'authority cinese che sovrintende agli investimenti in divise straniere -, nel corso di una conferenza stampa ai margini dei lavori dell'Assemblea Nazionale del Popolo. In merito alla messa in vendita dei bond registrata nel mese di dicembre, Yi dichiara che "si tratta di comportamenti legati al mercato, ai quali non voglio venga attribuita alcuna valenza politica; siamo un investitore responsabile e nei processi d'investimento possiamo di sicuro raggiungere un risultato utile a entrambe le parti".


5 marzo 2010: Nel discorso di apertura dell'Assemblea Popolare Nazionale il premier Wen Jiabao non concede alcuna apertura sulla questione dell'apprezzamento dello yuan: "La Cina manterrà un tasso di cambio fondamentalmente stabile - afferma Wen -  al contempo, promuoverà l'uso della propria valuta negli scambi commerciali trans-frontalieri, secondo il progetto pilota lanciato nel luglio 2009 nei principali hub dell'export cinese (Shanghai, Shenzhen, Canton, Zhuhai e Dongguang) e continuerà a perfezionare il meccanismo per stabilire il tasso di cambio con cui convertire lo yuan".


25 febbraio 2010: La Cina starebbe continuando ad acquistare bond americani in segreto: è l'ipotesi sostenuta da Simon Johnson, ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale e attualmente professore all'MIT, nel corso di un'interrogazione dell'US-China Economic and Security Review Commission, l'organo incaricato di sovrintendere agli scambi commerciali tra Cina e Stati Uniti per conto del Congresso. Secondo Johnson ci sarebbe Pechino dietro l'impennata dei Treasury Bonds detenuti dalla Gran Bretagna, passati nel giro di un anno da 130.9 a 300 miliardi di dollari: "Larga parte di questo aumento potrebbe essere motivato dal fatto che la Cina starebbe piazzando dollari offshore nelle sedi di Londra di banche cinesi, inglesi o anche statunitensi -  dice l'ex  capo economista del Fondo Monetario Internazionale - e tali banche procederebbero poi all'acquisto di titoli USA". "Quasi certamente i dati in possesso del Tesoro americano costituiscono una stima al ribasso della reale entità di debito pubblico USA in possesso della Cina - prosegue Johnson - perché nel caso di titoli detenuti attraverso intermediari non è possibile stabilire con chiarezza quale paese sia effettivamente l'ultimo anello della catena. Una ragionevole ipotesi di lavoro è che attualmente la Cina detenga circa 1000 miliardi di dollari in Treasury Bonds, quasi la metà dello stock che Washington riteneva custodito nei forzieri di paesi stranieri alla fine del 2009". L'ipotesi riceve dopo qualche giorno la conferma del Tesoro americano.


22 febbraio 2010: Il New York Times pubblica indiscrezioni attribuite a fonti investigative, secondo le quali gli attacchi informatici a Google sarebbero partiti dell'Università Jiaotong di Shanghai e dalla Scuola Professionale Laoxiang; una delle più importanti università cinesi e  un oscuro istituto professionale della provincia dello Shandong. Il Financial Times, in un altro articolo che cita analisti USA vicini alle indagini, sostiene che l'autore dello spyware sarebbe un ricercatore cinese, un 30enne che avrebbe postato su un forum di hacker alcuni spezzoni del codice utilizzato per creare il virus. L'uomo sarebbe un "freelance" con contatti nel governo; non avrebbe lanciato direttamente gli attacchi, ma alcuni funzionari avrebbero un "accesso speciale" alle sue ricerche. Arriva una secca smentita da parte di entrambi gli istituti; la scuola professionale Laoxiang forma, tra l'altro, cuochi e parrucchiere, e sul web cinese fioriscono le parodie sui "cuochi hacker" capaci di mettere in crisi il gigante Google.


18 febbraio 2010: Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama incontra il Dalai Lama. Il leader spirituale tibetano viene accolto nella Sala delle Mappe e non nella Sala Ovale come prevede l'etichetta delle visite dei capi di Stato, a simboleggiare che l'amministrazione Obama non vede nel Dalai Lama un leader politico in esilio. "L'azione americana rappresenta una seria interferenza negli affari interni della Cina, ha seriamente ferito i sentimenti del popolo cinese e seriamente danneggiato le relazioni tra Cina e Stati Uniti" dichiara il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino Ma Zhaouxu. Secondo il portavoce l'incontro "viola grossolanamente le norme delle relazioni internazionali"; la Cina chiede agli Stati Uniti di "eliminare l'impatto pernicioso di questo incontro", senza entrare nei dettagli sul come farlo, e l'ambasciatore USA Jon Huntsman a Pechino viene  richiamato ufficialmente.


16 febbraio 2010: Secondo quanto riferito dal ministero del Tesoro Usa, dalla fine del 2009 la Cina non sarebbe più il primo creditore degli Stati Uniti: nel mese di dicembre la Cina avrebbe venduto titoli a stelle e strisce per 34.2 miliardi di dollari; un netto taglio del 36% negli investimenti in  T-bond, T-notes e T-bills che riporterebbe il Giappone di nuovo in vetta come primo sottoscrittore del debito pubblico USA, posizione che ufficialmente non occupava più dal settembre 2008. La mossa viene interpretata come una forma di sfiducia della Cina verso il biglietto verde. 


5 febbraio 2010: Il segretario del Tesoro americano Timothy Geithner getta acqua sul fuoco delle polemiche sull'apprezzamento dello yuan: "Ritengo molto probabile che la Cina si muoverà verso un apprezzamento della sua valuta e penso che il governo cinese riconosca quanto sia importante anche per loro, quanto sia nel loro interesse. Secondo il segretario del Tesoro un riequilibrio dei tassi di cambio delle valute è una delle chiavi degli sforzi degli Stati Uniti per ricondurre l'economia mondiale sulla strada della crescita attraverso i consumi interni e non più grazie a "un modello basato su grossi investimenti e massicce esportazioni". Per fare ciò, conclude Geithner, "è necessario che gli esportatori americani riguadagnino le posizioni che hanno perso, e stiamo lavorando a fondo per incoraggiare questi cambiamenti".


4 febbraio 2010: Pechino risponde colpo su colpo anche sulla questione yuan: "Il valore dello yuan non è la principale ragione del nostro surplus commerciale nei confronti degli Stati Uniti, - dichiara il portavoce del ministero degli Esteri cinese Ma Zhaoxu - al momento il livello dello yuan è ragionevole e bilanciato. Accuse e pressioni non aiutano certo a risolvere il problema".


3 febbraio: Un editoriale del China Daily, voce ufficiale del regime di Pechino, getta ulteriore benzina sul fuoco: "È patetico vedere come il presidente americano Barack Obama sia pronto a cedere a questioni di politica interna e incontrare il Dalai Lama" scrive Huang Xiangyang, columnist del quotidiano, che in queste occasioni dà voce al nazionalismo esasperato di Pechino. Huang, per la prima volta, mette nero su bianco le parole a cui  in molti pensano da settimane: Guerra Fredda. "Questa politica americana di sostenere pubblicamente il Dalai Lama arriva direttamente dalla mentalità della Guerra Fredda, che per Washington coincide con l'utilizzo di ogni mezzo per contenere quelle che ritiene minacce in arrivo dalla Cina comunista. Ma i tempi sono cambiati, e questi politici di Washington gonfi d'ideologia che continuano in questo stanco rituale di incontri col Dalai Lama per sbandierare quelli che loro chiamano 'principi democratici basilari' non hanno capito che il terreno gli è ormai sfuggito da sotto i piedi. Come presidente della sola superpotenza esistente sul pianeta, Obama è libero di incontrare chi vuole nel suo paese; ma non ammanti questa farsa di alti propositi morali: noi la chiamiamo, semplicemente, l'audacia della vergogna". Più o meno nelle stesse ore Obama riapre il fronte dell'apprezzamento dello yuan all'incontro con i senatori del Partito Democratico: "L'approccio che stiamo sostenendo è di agire molto più duramente sul rispetto delle regole già esistenti, esercitando una pressione costante sulla Cina e su altri paesi per ottenere una reciprocità nell'apertura dei mercati. Una delle sfide con le quali dobbiamo confrontarci è quella dei tassi di cambio internazionali, per assicurarci che i prezzi dei nostri prodotti non vengano artificialmente gonfiati mentre quelli dei loro beni risultino invece artificialmente bassi".


1 febbraio 2010: La Casa Bianca annuncia che Barack Obama incontrerà il Dalai Lama nella prossima visita che il leader spirituale del buddhismo tibetano compierà negli Stati Uniti, a metà febbraio. Immediata la reazione di Pechino, per il quale il Dalai Lama è un pericoloso separatista che punta alla costruzione di un "Grande Tibet", staccato dal territorio cinese: "Un incontro di questo genere danneggerebbe seriamente la base politica delle relazioni tra Cina e Stati Uniti"  dichiara Zhu Weiqun, viceministro dell'organo del Partito Comunista Cinese preposto alle relazioni con le minoranze etniche. "Se il leader statunitense sceglie di incontrare il Dalai Lama, questo gesto danneggerebbe la fiducia e la cooperazione tra i nostri due paesi - ha proseguito Zhu - e come potrà tutto questo essere di aiuto all'America nel superare la crisi economica in corso?"


30 gennaio 2010: Il Dragone contrattacca a muso duro sulla questione Taiwan: "La decisione degli Stati Uniti mette seriamente a rischio la sicurezza nazionale cinese e danneggia gli interessi vitali della Cina" dichiara il portavoce del ministero della Difesa Huang Xueping. "Il piano americano creerà seri problemi alle relazioni tra i due Paesi e tra le loro Forze armate e danneggerà la situazione generale della cooperazione tra Stati Uniti e Cina e la pace e la stabilità negli Stretti di Taiwan". Pechino si riserva il diritto di imporre sanzioni alle aziende USA che venderanno armi a Taiwan e di sospendere gli scambi e le relazioni sul piano militare con Washington. 


29 gennaio 2010: Il Pentagono notifica al Congresso la richiesta di autorizzazione per la vendita di materiale bellico per 6.4 miliardi di dollari all'isola di Taiwan: è la prima fornitura militare dell'amministrazione Obama a quella che Pechino percepisce come una "provincia ribelle", da ricondurre sotto l'ala della madrepatria anche con la forza, se necessario.


28 gennaio 2010: Hillary Clinton definisce "una conversazione molto aperta e onesta" il colloquio avuto a Londra con il ministro degli Esteri cinese Yang Jiechi. "Ho sollevato la questione Google e quella della libertà sul web - dichiara Clinton - e, ovviamente, la Cina ritiene di essere molto più aperta di quanto non le venga dato credito in materia". Fonti governative USA fanno sapere che il ministro degli Esteri cinese non ha risposto alla richiesta americana di un'indagine sul caso Google. Nel corso del World Economic Forum di Davos Twitter rende nota, per bocca dell'amministratore delegato e cofondatore Evan Williams, l'intenzione di mettere a punto un sistema per eludere la censura praticata su internet dalla Cina e da altri paesi.


24 gennaio 2010: Un editoriale del China Daily, quotidiano ufficiale del Partito Comunista Cinese, accusa Washington di avere creato una "brigata di hacker" che, attraverso social network come Twitter e YouTube, sarebbe colpevole di avere fomentato i disordini in Iran successivi alle scorse elezioni. "Le agenzie di intelligence USA possono completamente controllare, seguire e cancellare online le informazioni contrarie all'interesse nazionale americano - si legge nell'editoriale - ed è quindi ridicolo, in questa situazione, che gli Stati Uniti d'America chiedano ad altri paesi la libera circolazione delle informazioni sul web". Twitter lancia una manifestazione online contro "la grande muraglia della censura cinese".


22 gennaio 2010: Arriva un duro comunicato del portavoce del ministero degli Esteri cinese Ma Zhaoxu: "Gli Stati Uniti hanno criticato le politiche cinesi di amministrazione della rete e insinuato che la Cina restringerebbe la libertà su internet; queste affermazioni sono contrarie alla verità dei fatti e dannose per la relazioni tra Cina e USA". "Chiediamo agli Stati Uniti di rispettare i fatti e cessare la strumentalizzazione della cosiddetta libertà sul web per rivolgere accuse infondate nei confronti della Cina".


21 gennaio 2010: Il segretario di Stato americano Hillary Clinton sceglie il Newseum, il museo della libertà di stampa di Washington, per tenere un discorso sulla questione. Clinton parafrasa lo storico discorso di Winston Churchill che sancì la definitiva contrapposizione tra il blocco occidentale e quello sovietico, e dichiara che "una nuova cortina dell'informazione sta calando su larga parte del mondo".  Tra i paesi citati ci sono Iran, Cina, Indonesia e Tunisia. "Noi siamo fermamente per un unico internet, dove l'intera umanità abbia eguale accesso al sapere e alle idee - ha detto Clinton - e chiediamo l'intervento della comunità globale contro chi promuove attacchi sul cyberspazio". Secondo il segretario di Stato americano "in un mondo interconnesso un attacco ai network di un paese è un attacco a tutti"; Hillary Clinton chiama poi  in causa direttamente la Cina, chiedendo alle autorità di Pechino di condurre "un'indagine approfondita sulle intrusioni nel cyberspazio" denunciate da Google, invitando alla "trasparenza nelle inchieste e nelle conclusioni". In molti commentano che si tratta dell'inizio di una "Guerra Fredda 2.0".


20 gennaio 2010: Baidu, il più importante motore di ricerca cinese, cita in giudizio per negligenza  il provider americano Register.com davanti a un tribunale di New York. Gli statunitensi sarebbero colpevoli di scarsa vigilanza in merito a una serie di atti di pirateria informatica risalenti al 12 gennaio scorso: "Quel giorno il nostro Domain Name Server, che si trova negli Stati Uniti, è stato oggetto di un attacco. Il software del nostro dominio è stato illegalmente alterato a causa di un'enorme negligenza da parte di Register.com - dichiara il portavoce di Baidu Victor Tseng -, negligenza che ha provocato un'interruzione dei nostri servizi per diverse ore, e per la quale chiederemo un risarcimento dei danni alla compagnia americana". Gli hacker responsabili dell'attacco a Baidu si nascondono dietro la sigla "Iranian Cyber Army", e avevano già rivendicato il blocco del sito di microblogging Twitter, avvenuto nel dicembre del 2009.


19 gennaio 2010: Arriva il primo commento diretto sulla vicenda da parte del governo cinese: il portavoce del ministero degli Esteri Ma Zhaoxu dichiara che Google non può chiedere di essere trattato diversamente dalle altre compagnie straniere che operano in Cina. "Le compagnie straniere attive in Cina devono osservare le leggi e i regolamenti cinesi, rispettare la clientela cinese e le tradizioni, assumendosi le relative responsabilità sociali. Ovviamente, Google non fa eccezione". Google annulla la presentazione del "Gphone", prevista a Pechino per il giorno successivo, senza fornire commenti ufficiali né una data alternativa. Il il responsabile della sicurezza nazionale indiana. M.K. Narayanan, dichiara al Times di Londra che anche il suo computer e quelli di altri funzionari di alto livello di Nuova Delhi sarebbero stati tra i bersagli dell'attacco degli hacker provenienti dalla Grande Muraglia. Ma Zhaoxu ha rimandato al mittente, sostenendo che la Cina è tra  "le prime vittime al mondo di atti di pirateria informatica". I colloqui tra Google e governo cinese proseguono a porte chiuse.


18 gennaio 2010: Il Foreign Correspondent's Club of China comunica che tra le caselle email violate ci sarebbero anche quelle di alcuni giornalisti stranieri. Pechino difende il suo diritto di "punire chi usa internet per sovvertire l'unità nazionale, diffondere l'odio etnico pubblicare  contenuti pornografici, violenti o terroristici, tutte cose  che non hanno nulla a che vedere con la cosiddetta restrizione della libertà su internet"


16 gennaio 2010: Alibaba.com, gigante del commercio online in Cina, tira le orecchie al suo  azionista Yahoo!, definendo "avventato" l'appoggio di quest'ultimo alle posizioni manifestate da Google. L'ultimo report di China Internet Network Information Center conferma che la Cina è il primo paese al mondo per navigatori web: nel 2009 gli internauti cinesi hanno toccato quota 384 milioni, un aumento del 28.9% rispetto all'anno precedente.


14 gennaio 2010:  Il quotidiano ufficiale China Daily bolla la minaccia di Google come una "strategia per mettere sotto pressione il governo cinese". La portavoce del ministero degli Esteri cinese Jiang Yu dichiara che "in Cina internet è aperta, il governo incoraggia lo sviluppo della rete e le compagnie straniere che forniscono servizi internet sul web cinese sono le benvenute, purché rispettino la legge. La Cina, inoltre, vieta qualsiasi atto di pirateria informatica". Il segretario al Commercio USA Gary Locke ribatte che "i recenti atti di pirateria informatica che Google attribuisce alla Cina creano problemi tanto al governo USA che alle corporation americane che lavorano sulla rete cinese, ma dovrebbero costituire un problema anche per il governo cinese stesso. Invitiamo la Cina a lavorare con Google e con le altre compagnie per ristabilire un clima favorevole al business". Yahoo! si schiera al fianco di Google.


13 gennaio 2010: Google dichiara di essere pronto ad abbandonare la Cina e a chiudere Google.Cn, la sua versione cinese. Il colosso del web lamenta un "attacco informatico altamente sofisticato" che avrebbe avuto origine dalla Cina e avrebbe colpito almeno 20 compagnie (in seguito diventeranno "almeno 33") attive in settori come finanza, media, chimica, tecnologia e internet. Il risultato degli atti di pirateria informatica sarebbe stato non solo il furto di consistenti parti di know-how, ma anche l'intrusione nelle caselle email di alcuni dissidenti cinesi. "Questi attacchi , combinati con tentativi dell'ultimo anno di restringere ulteriormente la libertà di parola sul web ci hanno portato alla conclusione che potremmo rivedere le nostre operazioni in Cina Abbiamo deciso inoltre che non intendiamo continuare a censurare i nostri risultati su Google.Cn, - si legge nel comunicato ufficiale - e quindi nelle prossime settimane discuteremo col governo cinese le basi sulle quali gestire un motore di ricerca privo di filtri nel rispetto della legge. Riconosciamo che questo potrebbe significare anche la chiusura di Google.Cn e dei nostri uffici in Cina".


di Antonio Talia