Cina: tanto acciaio ma pochi soldi

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 06 gen - Settantasette miliardi di yuan, cioe' piu' di 11,6 miliardi di dollari: sono gli utili aggregati dell'industria siderurgica cinese. Sembrano tanti ma rapportati alla gigantesca produzione del Paese (quasi 630 milioni di tonnellate) il risultato appare oltremodo deludente. Il dato e' stato pubblicato oggi dalla China Iron and Steel Association (CISA) Corrisponde a una redditivita' sul fatturato pari in media al 3,5%.
Il motico, oltre alla bassa produttivita' e agli alti costi di molti produttori cinesi e' imputabile anche alla forte dipendenza dell'industria siderurgica cinese dall'importazione di minerale di ferro e ormai, anche di coke (fino a pochi anni fa la Cina era esportatrice netta). Entrambi hanno subito forti aumenti sui mercati internazionali.
Solo per il minerale, i maggiori costi incorsi dai produttori siderurgici cinesi nel 2010 (rispetto al 2009) hanno superato i 26 miliardi di dollari.