Cina: ok esportatori 'qualificati' ad attivita' in valuta all'estero

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 27 ago - L'Ufficio Cambi cinese (SAFE) ha annunciato di voler autorizzare un numero limitato di esportatori cinesi (circa 60) a mantenere una parte dei loro introiti in valuta all'estero. La sperimentazione in iniziera' dal I ottobre. Le autorizzazioni saranno limitate, per il momento a operatori basati a Pechino e nelle Province del Guangdong e Jiangsu.
L'obiettivo e' di contribuire a limitare l'afflusso di liquidita' derivante dal canale estero, dovuta al fatto che finora gli esportatori cinesi hanno sempre dovuto cambiare presso la Banca Centrale gli introiti in valuta in moneta nazionale. La nuova regolamentazione non esime gli operatori dal dichiarare comunque le attivita' che detengono all'estero.