Cina: "nulli" gli 800mila voti per referendum Hong Kong

Hong Kong, 30 giu. – Quasi 800mila persone a Hong Kong hanno votato il referendum simbolico per chiedere che alle elezioni i candidati a guidare il governo siano scelti liberamente e non da una lista stilata da Pechino. Ben 787.000 elettori "hanno espresso pacificamente il loro pensiero, quale che sia", ha osservato capo degli scrutatori, Robert Chung.


La consultazione 'online' e presso alcuni seggi é stata promossa dal movimento Occupy Central e da altri gruppi pro-democrazia per fare pressione sul governo cinese affinché consenta reali riforme. Un risultato  "nullo" da Pechino  che ha bollato l'iniziativa come "illegale". "Nessuna pratica o metodo relativo alle le riforme per le elezioni del 2017 deve deviare dalla Legge Fondamentale" ha puntualizzato, inoltre, il segretario di Hong Kong Carrie Lam il quale – si legge in un editoriale del China Daily a firma Kahon Chan - ha promesso comunque di ascoltare le idee espresse dal popolo attraverso un referendum che non ha valore legale.


Il territorio, un'ex colonia britannica tornata sotto sovranità cinese nel 1997, è governato da una mini-Costituzione, chiamata Legge Fondamentale, che prevede l'introduzione del suffragio universale per la selezione del Capo dell'esecutivo locale e anche del mini-Parlamento di Hong Kong.


Il dato dei 787.000 votanti è significativo se si pensa che alle elezioni del 2012 erano stati tre milioni e mezzo di elettori registrati. Gli accordi tra Gran Bretagna e Cina del 1984 hanno affidato a Pechino un territorio di sette milioni di abitanti dove la stampa è libera, esistono partiti politici e parziali elezioni a suffragio universale (solo metà del Parlamento viene riempito per volere popolare, il resto è selezionato da gruppi di interesse corporativo), e le manifestazioni politiche sono cosa comune. Per gestire questa inusuale situazione rispetto a quanto avviene nel resto della Cina era dunque stato coniata la formula di "Un Paese Due Sistemi", che sta però mostrando in questi mesi tutti i suoi limiti. Pechino si rifiuta di acconsentire a un'elezione del Capo dell'Esecutivo locale a candidatura libera e insiste affinché i candidati siano scelti fra una rosa di nomi che il Partito Comunista considera "patriottici" e leali, e selezionati da 1200 persone nominate a loro volta da Pechino.

E se per Pechino il referendum è nullo, gli hongkonghesi non si arrendono: centinaia di migliaia di manifestanti sono previsti in strada per il 1 luglio.

 

30 giugno 2014

 

LEGGI ANCHE:

 

HK RISPONDE AL GLOBAL TIMES, NESSUN CONFRONTO COI CINESI

 

REFERENDUM A HONG KONG, CINA: "UNA FARSA"


HONG KONG CONTRO REVISIONE "UN PAESE, DUE SISTEMI"

 

ALTRI ARTICOLI:


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

IRAQ, OLTRE 50 DIPENDENTI CINESI EVACUATI


LEONARDO DA VINCI CERTIFICATO 'WELCOME CHINESE AIRPORT'

 

PIAZZA LIU XIAOBO A WASHINGTON "UNA FARSA"

 

XINJIANG, 9 CONDANNE FINO A 14 ANNI PER TERRORISMO

 

PRIMA CONFERENZA ITALIA-CINA SU DIPLOMAZIA CULTURALE

 

MONDIALI: ITALIA VITTIMA "MALEDIZIONE" CONDUTTRICE CINESE

 

LI PENG PUBBLICA MEMORIALE, MA NON PARLA DI TIAN'ANMEN

 

CINA VUOLE UNA BANCA REGIONALE PER L'ASIA PACIFICO ENTRO IL 2015

 

CCTV, IN ONDA IMMAGINI INEDITE ATTACCO TIAN'ANMEN

 

BANCA CENTRALE: RISCHIO DEFAULT IN ALCUNI SETTORI

 

CAMBI: USA A CINA, LIBERALIZZARE LO YUAN

 

HONG KONG RISPONDE AL GLOBAL TIMES, NESSUN CONFRONTO CON I CINESI

 

SPAGNA ARCHIVIA ACCUSE A JIANG, PECHINO "BENE"

 

GOVERNO: MATTEO RENZI INCONTRA MENG JIANZHI

 

Intervista a Paolo De Troia TESTI DI LETTERATURA CINESE SCELTI E TRADOTTI DA BERTUCCIOLI

 

INTERVISTA A DAVIDE CUCINO, LA CINA CHE HO VISSUTO ALLA CAMERA

 

XINJIANG, 380 ARRESTI NEL PRIMO MESE DI CAMPAGNA ANTI TERRORISMO

 

REFERENDUM A HONG KONG, CINA: "UNA FARSA"

 

HSBC: MANIFATTURIERO TORNA IN ESPSANSIONE

 

@ Riproduzione riservata