Cina: l'indice Pmi manifatturiero febbraio rallenta a 52 punti

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 01 mar - In Cina l'indice Pmi manifatturiero e' rallentato a febbraio oltre il previsto a 52 punti contro 55,8 di gennaio. Gli analisti si aspettavano 55,45 punti. Le componenti produzione e nuove commesse sono rimaste sopra la soglia espansiva dei 50 punti. Le commesse estere sono calate a 50,3 punti da 53,2. Sono scesi, invece, al di sotto dei 50 punti i sottoindici del portafoglio ordini, dell'occupazione e degli stock acquistati. L'indicatore viene elaborato dalla Federazione cinese di logistica per conto dell'ufficio nazionale di Statistica. In calo anche, da 57,4 a 55,8 punti l'analogo indice calcolato da HSBC. Qu Hongbin, capo economista di HSBC interpreta il dato in termini comunque positivi: "Nonostante questi segnali il livello dell'attivita' manifatturiera resta elevati e ritengo che sia destinato ad accelerare nei prossimi mesi", ha dichiarato. Il calo di entrambi gli indici viene interpretato come un fenomeno stagionale: in febbraio ci sono state le feste del Capodanno cinese. Inoltre il dato di gennaio, utilizzato come termine di confronto era stato particolarmente elevato.
L'attivita' manifatturiera copre il 40% del PIL cinese.