Cina: impone sovrattassa 5% su profitti grandi imprese di Stato

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 03 gen - Il Ministero delle Finanze cinese ha emesso un'ordinanza che impone alle grande imprese controllate dallo Stato centrale di versare alle una quota del 5% alle casse dello Stato, in aggiunta alla quota che gia' sono tenute a versare, dopo aver pagato le tasse normali e prima di aver pagato i dividendi. In pratica e' una sovrattassa del 5% sui profitti. Nel mirino del provvedimento rientrano tre gruppi di imprese. Nel primo sono compresi i 15 maggiori gruppi nel settore dell'energia, delle telecomunicazioni (CNPC, Sinopec, CNOOC, State Grid Corporation, Shenhua Group, China Mobile ecc.) e anche China Tabacco. Per loro il prelievo passa dal precedente 10% al 15%. Nel secondo gruppo rientrano 88 altre grandi imprese tra cui Chalco, Cnmc, Cosco, Air China, China Southern Airlines e China Merchants Group, per le quali il prelievo sale dal 5 al 10%. Altre 33 imprese che finora erano esentate cominceranno a pagare il 5%: tra queste China National Nuclear Corp., China South Industries Group e China Film. Due imprese che operano nel settore delle materie prime, e cioe' China Grain Reserve e China National Cotton Reserve saranno esentate. Secondo la Commissione di supervisione sulle imprese di Stato (Sasac) gli utili prodotti nel 2010 dalle imprese controllate dallo Stato Centrale ammontano a circa mille miliardi di yuan (151 miliardi di dollari).