Cina: crescita del Pil prevista sopra al 9% quest'anno


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 30 set - La crescita
del Pil dovrebbe rimanere al di sopra del 9% quest'anno
malgrado le paure crescenti di rallentamento economico
globale a causa della crisi del debito in continua
evoluzione sia in Europa e negli Stati Uniti. Lo afferma Lu
Zhongyuan, vice capo del Centro di Ricerca per lo Sviluppo
del Consiglio di Stato un economista, un think-tank
governativo. Tuttavia - aggiunge - la seconda potenza
economica del mondo potrebbe vedere la crescita del Pil in
rallentamento nel lungo periodo, a causa delle condizioni
globali. Lo riporta il China Daily. L'economia e' cresciuta
del 10,4% annuo nel 2010. Il tasso di crescita di quest'anno
e' probabile che "sia il piu' veloce" tra tutte le economie
mondiali, anche se si potrebbe raffreddare un po' dai
massimi precedenti, ha detto Lu in una conferenza stampa. "I
fondamentali economici sono ancora molto forti in Cina,
grazie al boom della domanda di investimenti e consumi",
sostiene. Infatti i profitti industriali cinesi sono
aumentati del 28% annuo nei primi otto mesi, ha reso noto
ieri il National Bureau of Statistics. Secondo Lu, il lieve
rallentamento nei risultati di crescita del Pil deriva dalle
misure di stretta monetaria del governo e dai provvedimenti
mirati al settore immobiliare. "L'economia sta vivendo un
breve periodo di moderazione e la crescita e' ancora
all'interno di un range di normalita'", ha detto. Ma
l'aumento del costo del lavoro, dei terreni edificabili e
delle risorse naturali rischia di portare gradualmente a un
rallentamento dell'economia nei cinque anni a partire dal
2016, con un tasso possibile di espansione media di meno
dell'8%, ha detto Lu.
Col-Mai

(RADIOCOR) 30-09-11 08:20:06 (0047)FE,CINA 5 NNNN