Cina: Banca centrale da' obiettivo M2 2011 (+ 16%) e chiede rientro poste fuori bilancio

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 01 feb - People'sBank, la banca Centrale cinese, ha annunciato per il 2016 un obiettivo di crescita della massa monetaria M2 (liquidita' e depositi) pari al 16 per cento. Ma non annuncera', quest'anno, come invece avveniva in passato, un obiettivo di crescita dei nuovi prestiti. Questo anche in seguito a uno scontro che da alcune settimane la oppone alla Commissione di controllo delle banche, nel quale ha ottenuto, apparentemente, il sopravvento in quanto il Governo, secondo indiscrezioni della stampa (ufficiale) cinese, si sarebbe (ri)impossessata del potere di stabilire questo parametro.
In questo contesto ha ribadito l'intenzione di effettuare controlli mensili sui bilanci delle banche. Non solo ma ha aggiunto che questi controlli riguarderanno anche gli asset 'fuori bilancio' (cartolarizzazioni) degli istituti di credito del Paese che sono anche stati invitato a fare 'rientrare' queste voci nella loro normale contabilita'. Nonostante la mancanza di comunicazioni ufficiali il quotidiano (governativo) China Daily ritiene che il target indicativo per i nuovi prestiti nel 2011 7,5 miliardi di yuan (1.140 miliardi di dollari) e che tale cifra includa, appunto, i prestiti fuori bilancio.