CHINA AWARDS PREMIA LA MUSICA

CHINA AWARDS  PREMIA LA MUSICA

Milano, 25 nov.- Non solo imprese, ma anche musicisti. Quest'anno ritirare il China Awards sono stati anche Paolo Fresu e Danilo Rea, esponenti dell'Italia che vince e stupisce all'estero. I due musicisti, che  hanno suonato al Padiglione Italiano dell'Expo di Shanghai all'interno della rassegna ''The Best of Italian Jazz in Shanghai hanno ricevuto il Premio Speciale Cultura Capital Elite. 

Si è tenuta a mercoledì a Milano la quinta edizione dei China Awards, manifestazione organizzata dalla Fondazione Italia Cina e da MF - Milano Finanza con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell'Ambiente e del Ministero degli Esteri, la partnership della Camera di Commercio Italiana in Cina e il prezioso contributo di Intesa Sanpaolo. Presenti alla cerimonia, oltre al presidente della Fondazione Italia-Cina Cesare Romiti, anche Pasquale Natuzzi, Paolo Pininfarina, e il Console Generale di Milano Hui Liang.

 

 

"L'obiettivo dei China Awards è comunicare l'importanza che l'internazionalizzazione riveste per le aziende italiane, sottolineando i benefici che derivano dai flussi di capitali, persone, idee, beni e servizi tra Italia e Cina", ha spiegato Cesare Romiti, Presidente della Fondazione Italia Cina. "Momenti di riflessione come i China Awards, occasioni in cui condividere strategie vincenti e incoraggiare una reazione positiva nei confronti della sfida cinese, sono auspicabili soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. I China Awards conferiscono visibilità ai casi di successo di imprese italiane che operano con la Cina, spesso poco conosciuti al largo pubblico".  

 

"La Fondazione Italia Cina è anch'essa una storia di successo, in soli cinque anni di attività ha dato un significativo contributo progettuale e creato un solido ponte per avvicinare il mondo economico italiano alle opportunità del mercato cinese. Un ponte che anche le imprese cinesi stanno attraversando sempre più numerose per investire in Italia". 

 

"La base associativa della Fondazione è cresciuta esponenzialmente in questi anni: dai 20 soci del 2004 ai circa 400 associati di oggi, raggiunti anche grazie all'integrazione con la Camera di Commercio Italo Cinese avvenuta nel 2009. La straordinaria estensione della nostra base associativa da un lato conferma la bontà del percorso svolto dalla Fondazione in questi sette anni, dall'altro consente di aggregare intorno alla Fondazione una voce forte e rappresentativa su cui far leva per garantire gli interessi delle imprese italiane in Cina e cinesi in Italia". 

 

 

I China Awards prevedono sette macrocategorie di premi: Creatori di Valore, Top Investor in Italy e Top Investor in China, che hanno un carattere oggettivo, i premi Expo Shanghai 2010, Capital Elite, Leone d'Oro e il nuovo premio Corporate Social Responsability, che hanno invece carattere soggettivo. Istituito quest'anno, il premio Corporate Social Responsability si riferisce alle imprese italiane che si sono distinte in progetti di responsabilità sociale d'impresa nella direzione di uno sviluppo sostenibile in Cina. 

 

 

La consegna dei China Awards 2010 è avvenuta durante un charity dinner, i cui proventi saranno devoluti a favore del progetto LifeLine Express, un treno-ospedale che viaggia per le regioni più remote della Cina per curare la cataratta, patologia che nel Paese colpisce ogni anno più di 400.000 persone, anche bambini. Il Presidente Romiti a questo proposito ha dichiarato: "Sono felice che, nonostante il periodo difficile, le aziende italiane, insieme alla Fondazione continuino a fare beneficienza e a pensare ai più deboli, come stasera: i proventi del charity dinner infatti saranno devoluti a favore del progetto LifeLine Express."

 

 

 

© Riproduzione riservata