Buongiorno, il prossimo mese sarò in Cina in viaggio di lavoro. Posso utilizzare il telefono italiano o è meglio acquistare una scheda locale?

Le schede italiane funzionano senza problemi in Cina, ma ovviamente il costo di chiamata e ricezione risulta molto elevato.
La soluzione più semplice è acquistare in loco una scheda telefonica con un numero locale. Le due maggiori compagnie sono China Mobile e China Unicom.
Potrete acquistare il vostro numero telefonico già all'aeroporto presso i punti vendita delle due aziende telefoniche. Il costo è normalmente di 100 rmb (circa 10 euro), comprensivi di 50 rmb di ricarica.
Se si scelgono numeri facili da ricordare o contenenti numeri considerati fortunati in Cina (il 6 o l'8) il costo può salire.
L`attivazione è immediata. Potete chiedere direttamente al negoziante di aiutarvi nell'operazione.
È molto importante tenere presente che, in Cina, a esaurimento credito, il telefonino risulta fuori servizio, perché anche le chiamate in entrata hanno un costo seppur minimo. Buona abitudine è quindi munirsi in anticipo delle carte ricarica (ci sono da 50 rmb e da 100 rmb). Basta digitare il numero che trovate sul retro della carta e, una volta scelta la lingua inglese, seguire le indicazioni.
La ricarica è immediata e riceverete un messaggio di conferma.
Se non possedete un secondo telefono, nei mercati dell'elettronica potete acquistare dei telefonini base per circa 30 euro. Acquistando un telefono in loco avrete il vantaggio di avere la lingua cinese.
Potrete quindi chiedere ad amici, ristoranti o al servizio Guanxi (vd. guanxi service) di inviarvi l'indirizzo della vostra destinazione in caratteri cinesi in modo da non avere difficoltà con il taxi.
Pochissimi conducenti conoscono il pinyin (trascrizione fonetica dei caratteri cinesi).