ALTA VELOCITÀ DA RECORD MONDIALE

Sviluppare la rete ferroviaria ha per la Cina un'importanza strategica. Il gigante asiatico deve infatti fare i conti da una parte con un'infrastruttura stradale di 1,87 milioni di km, concentrata soprattutto lungo la zona costiera, di cui appena 65mila km sono autostrade; dall'altra con un mercato automobilistico (primo al mondo da un paio d'anni) che vede i veicoli privati crescere a un ritmo annuo del 15 per cento. La necessità di trasporti pubblici a prezzi accessibili fa del treno, con l'autobus, il mezzo più frequentato anche per le lunghe tratte. Gli investimenti nel settore sono colossali.
Tra i più recenti può essere menzionato quello da 23 miliardi di euro stanziato per collegare con una linea ad alta velocità, entro il 2012, le città di Shanghai e Pechino. In numeri, i risultati attesi parlano di 1.318 chilometri, 24 stazioni e cinque ore (contro le attuali 10) per coprire il percorso totale. Sempre per il 2012 la Cina, secondo i programmi, svilupperà una rete ferroviaria di 110mila km, di cui il 10% ad alta velocità. Il mese scorso le agenzie di stampa hanno dato spazio al record di velocità mai raggiunto da un treno: 486,1 km orari, toccati sulla linea che unisce Shanghai e Hangzhou, nel sud-est del paese. Ma in rete circola e viene ripresa anche la notizia del prossimo obiettivo dei Maglev (i treni a levitazione magnetica) cinesi: 1.000 chilometri orari, una velocità che trasformerebbe in realtà lo slogan dei supertreni orientali, «volare a terra».
La Cina non è nuova a ciclopiche opere ferroviarie. È celebre la linea Pechino-Lhasa concepita da Mao Zedong negli anni Cinquanta e inaugurata nel 2006. Il «Treno dei Cieli», com'è chiamato, merita il suo nome: per l'80% è sviluppato a più di 4mila metri sul mare; raggiunge i 5.072 metri d'altezza (cosa che ne fa la tratta ferroviaria più alta del mondo), ed è dotato di carrozze pressurizzate come negli aeroplani, provviste di bombole d'ossigeno e protezioni anti-Uv. Con binari poggiati in parte sul permafrost grazie ad avveniristici espedienti tecnologici, il treno deve rassegnarsi spesso a ritardi di ore. La causa: la traversata dei binari delle antilopi tibetane, che non apprezzano i sottopassaggi. (e.cu.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

27/01/2011