Abu Mazen chiede tutela all'Onu Ancora razzi e raid, 166 morti

(AGI) - Ramallah, 13 lug. - Il presidente palestinese, AbuMazen, ha chiesto alle Nazioni Unite che la Palestina sia messasotto "protezione internazionale". Lo

Abu Mazen chiede tutela all'Onu Ancora razzi e raid, 166 morti

(AGI) - Ramallah, 13 lug. - Il presidente palestinese, AbuMazen, ha chiesto alle Nazioni Unite che la Palestina sia messasotto "protezione internazionale". Lo ha affermato l'Olp. AbuMazen, si legge in una nota, "presentera' al Coordinatorespeciale dell'Onu per il Medio Oriente, Robert Serry, unalettera in cui chiede al segretario generale Ban Ki-moon diformare una commissione che dia seguito alla richiesta".

Papa: accorato appello, " Cessare ostilita'"

Abu Mazen ha anche chiesto l'avvio di una commissioned'inchiesta sul massiccio bombardamento aereo al quale Israelesta sottoponendo Gaza. "Il presidente palestinese sta facendouna serie di passi che hanno a che fare con l'orrendasituazione nella Striscia", ha spiegato Hanan Ashrawi,esponente di rilievo dell'Olp. Abu Mazen ha chiesto allaSvizzera, depositaria della Convenzione di Ginevra sullaprotezione dei civili nel corso di un conflitto, di convocarela parti contraenti e decidere sanzioni contro Israele, checome occupante ha la responsabilita' della sicurezza deicivili.Intanto, il sesto giorno dall'inizio dell'offensiva israelianasu Gaza procede come i precedenti: lancio di razzi, sempre piu'potenti dall'enclave costiera, che cadono in territorio aperto(ieri alcuni in Cisgiordania) o intercettati dal sistema IronDome, e i raid israeliani che hanno finora ucciso 166 persone(tra cui 130 civili e 36 bambini e 26 donne, secondo Hamas) ecausato 1.120 feriti. Sul fronte opposto non si contano vittime ma decine diferiti, e tanti casi di persone sotto shock, nonostante da Gazasiano stati lanciati 700 razzi. Il tutto mentre gli occhi della comunita' internazionalesono puntati a Vienna per l'atteso incontro Usa, Gran BretagnaFrancia e Germania per trovare un'intesa almeno per un cessateil fuoco. Temendo per la loro vita, dopo l'avviso lanciato stanotteda Tsahal (l'esercito d'Israele) in 10.000 hanno abbandonato leloro case nel nord della Striscia di Gaza. (AGI).