L'Europa chiede a Mps "tagli dolorosi"

Il Commissario Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager, domanda nuovi esuberi alla banca salvata dallo Stato

L'Europa chiede a Mps "tagli dolorosi"

Il dossier Montepaschi "sta facendo passi avanti" ma ci sono ancora tanti ostacoli da superare, in particolare il nodo legato ai tagli del personale "che è sempre molto doloroso". Ma il Commissario europeo alla Concorrenza, Margrethe Vestager, in un'intervista a La Stampa assicura che la Commissione "sta lavorando molto bene con le autorità italiane".

"Non sprecare i soldi dei contribuenti"

"Ogni volta che una banca ottiene aiuti di Stato sotto forma di ricapitalizzazione precauzionale, o in altri modi, bisogna evitare che i soldi dei contribuenti siano sprecati", spiega la numero uno dell'Antitrust di Bruxelles, "va garantita la redditività. Quindi bisogna fare in modo che entrino più soldi dal mercato oppure controllare i costi. La discussione è su entrambi i fronti". Sia la Commissione Ue che la Banca Centrale Europa avevano esortato Rocca Salimbeni a effettuare 5 mila esuberi, dopo gli altrettanti posti di lavoro già tagliati negli anni precedenti. "Noi non chiediamo di licenziare i dipendenti", puntualizza Vestager, "ma va tenuto in considerazione un aspetto: di solito la metà dei costi è per il personale. Quindi quando si parla di ridurre i costi si finisce sempre sul numero dei lavoratori, ma anche sugli stipendi dei dirigenti. È sempre stato così per tutti i casi simili finiti sul tavolo della Commissione dalla crisi finanziaria: circa 120 casi. E purtroppo è sempre molto molto doloroso per le persone coinvolte e per le regioni in cui ciò accade".

"Sulle banche venete non siamo così avanti"

"Non siamo così' avanti", ammette invece il Commissario interpellato sulla vicenda Veneto Banca e Popolare di Vicenza, "ma abbiamo predisposto dei piani di lavoro che sono condivisi con tutte le parti del tavolo. E il piano avanza perché l'approccio di tutti i partecipanti è costruttivo. Non è facile ma stiamo andando avanti". 

Per approfondire: Da Antonveneta ad Alexandria, perché Mps è nei guai