L'aumento dello spread rende vulnerabili le banche, dice Ignazio Visco

Il governatore di Bankitalia avverte: l'aumento dello spread e dei rendimenti dei titoli di Stato italiani comporta rischi che "in situazioni di tensione possono acuirsi, nella percezione dei mercati, in modo repentino"

spread rischio banche crescita

L'aumento dello spread frena la crescita economica dell'Italia e la rende vulnerabile nel settore bancario e finanziario. Sono preoccupate le parole del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, sull'aumento dei tassi dei titoli di Stato italiani. Aumento che ha un effetto diretto sul Pil: "Si stima - dice Visco - che a parità di altre condizioni, e senza tenere conto degli effetti negativi sulla fiducia di famiglie e imprese, rendimenti delle obbligazioni pubbliche di 100 punti base più alti determinino una riduzione del prodotto dello 0,7 per cento nell'arco di tre anni".

Visco snocciola i numeri che spiegano la sua preoccupazione. E avverte che l'aumento dello spread e dei rendimenti dei titoli di Stato italiani comporta rischi che "in situazioni di tensione possono acuirsi, nella percezione dei mercati, in modo repentino".

Vediamo questi numeri: il rendimento dei titoli decennali è di quasi un punto percentuale più alto dei valori osservati nel mese di aprile dello scorso anno; il differenziale rispetto ai corrispondenti titoli tedeschi è aumentato di 160 punti base; quello nei confronti dei titoli spagnoli di 140 punti. Non solo: i premi sui 'credit default swaps' indicano che sia il rischio di credito sia quello di ridenominazione del debito in una valuta diversa dall'euro continuano a spingere verso l'alto i rendimenti dei titoli di Stato italiani. Finora, dice Visco, la trasmissione del maggiore costo dei titoli pubblici a quello dei prestiti delle banche a imprese e famiglie "è stata limitata, grazie all'ampia liquidità e alle migliori condizioni dei bilanci degli intermediari".

E tuttavia, "cominciano a emergere segnali di tensione: secondo i sondaggi, le politiche di offerta dei prestiti, pur rimanendo nel complesso distese, si stanno gradualmente irrigidendo, soprattutto per le piccole imprese, a seguito del deterioramento del quadro macroeconomico e dell'aumento dei costi di provvista delle banche".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.