Wall Street recupera le perdite e chiude mista

Wall Street recupera le perdite e chiude mista

Un rimbalzo del settore tech ha tenuto sotto controllo le perdite e attenuato la disfatta dei titoli energetici dopo che i prezzi del petrolio sono scivolati a causa dei crescenti timori di una brusca frenata della crescita economica

mercati wall street recupera perdite chiude mista

© Tayfun Coskun / Anadolu Agency / Afp 
- Wall Street 

AGI - Wall Street recupera le perdite e chiude in ordine sparso la ripresa degli scambi dopo il lungo weekend dell'Independence Day.

Dopo un avvio in calo, con gli investitori in ansia per una possibile recessione mentre le banche centrali varano politiche restrittive per contrastare la corsa dell'inflazione, un rimbalzo del settore tech ha tenuto sotto controllo le perdite e attenuato la disfatta dei titoli energetici dopo che i prezzi del petrolio sono scivolati a causa dei crescenti timori di una brusca frenata della crescita economica.

Il Dow Jones cala dello 0,42% a 30.967,12 punti, lo S&P 500 sale dello 0,17% a 3.831,80 punti e il Nasdaq avanza dell'1,75% a 11.322,24 punti.

Il comparto tech ha aiutato il rimbalzo a fine giornata dai minimi della sessione, con i titoli di Alphabet (+2,54%) e Meta Platforms (+2,97%) che hanno guidato i guadagni, nonostante Barclays abbia avvertito di una "tempesta perfetta" nella pubblicita' digitale in mezzo alla crescente concorrenza e al rallentamento della spesa per le inserzioni online.

Anche i titoli dei semiconduttori hanno chiuso la giornata in positivo con l'impennata di Nvidia (+2,58%) e Advanced Micro Devices Inc (+3,83%) che ha contribuito a migliorare il sentiment sui titoli di chip sulla scia dei recenti risultati trimestrali di Micron Technology (+4,29%) che hanno segnalato venti contrari per la domanda di chip.

L'inversione in una parte fondamentale della curva dei rendimenti dei Treasury che ha alimentato i timori di recessione si è ribaltata nel trading di fine giornata per contribuire a sollevare il sentiment. Il rendimento del Treasury a 2 anni è balzato brevemente al di sopra del tasso del titolo del Tesoro a 10 anni, segnando un'inversione chiave nella curva dei rendimenti che di solito segnala problemi all'orizzonte per l'economia.

I timori di recessione hanno guadagnato slancio in seguito alle stime del Pil della Fed di Atlanta, che prevedevano un calo del 2% nel secondo trimestre. Dopo il calo dell'1,6% del Pil registrato nei primi tre mesi dell'anno, un altro calo collocherebbe l'economia in recessione tecnica.

"Mentre gli investitori tornano dalle vacanze del 4 luglio, il sentiment rimane irregolare poiché gli investitori continuano il 'ping pong', tra i timori di una recessione e le preoccupazioni per un'inflazione troppo alta", ha affermato Stifel in una nota.

I titoli energetici sono stati il principale ostacolo, trainati al ribasso dai prezzi del petrolio scesi di oltre l'8%. Halliburton, Apa ed Hess Corporation sono calate di oltre il 6%, mentre Occidental Petroleum è scesa di oltre il 2% anche se il Berkshire di Warren Buffet Hathaway ha aumentato la sua partecipazione in quest'ultima al 17,4%.

Il crollo dei rendimenti dei Treasury ha pesato sui titoli bancari, a poco più di una settimana dall'inizio della stagione degli utili trimestrali delle principali banche di Wall Street. JPMorgan (-0,38%) riporterà i risultati il 14 luglio.

Con l'aumento dei timori di recessione, gli angoli di crescita del mercato, compresi i titoli di consumo, hanno sovraperformato i settori in base alle aspettative che la Fed potrebbe non effettuare rialzi aggressivi dei tassi di interesse per tenere sotto controllo l'inflazione.

Norwegian Cruise, Dollar Tree, Caesars Entertainment hanno sovraperformato, con quest'ultima in rialzo di oltre il 9%.

Tra gli altri titoli, Ford Motor è sceso dell'1% dopo aver riferito che le vendite sono aumentate dell'1,8% a 483.688 nuovi veicoli nel secondo trimestre rispetto all'anno precedente, al di sotto delle stime per un aumento tra il 3,3% e il 5,1%.