Amazon ha comprato gli studios Mgm, l'industria del cinema ha un nuovo campione

Amazon ha comprato gli studios Mgm, l'industria del cinema ha un nuovo campione

L'azienda di Jeff Bezos rinforza il roster della sua piattaforma Prime Video con 4.100 titoli, più di 10.400 episodi di serie televisive e ben 208 premi Oscar all'attivo

amazon compra studios mgm industria cinema ha nuovo campione

© HO / METRO-GOLDWYN-MAYER INC. / AFP -

AGI - Amazon ha chiuso ufficialmente l'acquisizione degli studi Mgm annunciata nel maggio scorso. Dopo il via libera della concorrenza europea, sono scaduti anche i termini entro cui Ftc avrebbe potuto opporsi all'operazione da 8,5 miliardi di dollari. Mgm Studios si unirà all'organizzazione di Mike Hopkins, vicepresidente senior di Prime Video e Amazon Studios.

Con l'acquisizione degli studios cinematografici Metro Goldwyn Mayer, Amazon rinforza il roster della sua piattaforma Prime Video con 4.100 titoli, più di 10.400 episodi di serie televisive e ben 208 premi Oscar all'attivo. Ma quella del colosso di Jeff Bezos non è solo una corsa all'ultimo stream: l'azienda infatti garantisce che la priorità è garantire nuova linfa vitale a una compagnia che è nella storia del cinema e che nel 2020 si era affidata alle banche d'affari Morgan Stanley e LionTree Advisors per trovare degli acquirenti.

Tutto fatto quindi e Leo the Lion, lo storico leone (in realtà ne furono addestrati sei che si avvicendarono nel tempo) che anticipava l'inizio di capolavori come le saghe di James Bond e Il signore degli anelli, continuerà a ruggire. Così come, evidentemente, le quotazioni di Amazon Prime Video, una delle tre grandi sorelle che dominano il mercato delle piattaforme streaming. Forse la più piccola tra le sorelle, potendo vantare circa "solo" 150 milioni di potenziali abbonati, contro i 200 di Netflix e i 100 di Disney+, che però sono certificati; la piattaforma Amazon infatti fa parte del pacchetto Prime, ovvero un upgrade nell'utilizzo degli acquisti online.

In pratica Netflix e Disney+ operano su un singolo mercato, per quanto riguarda Amazon Prime invece non è detto che quei 150 milioni di abbonati usufruiscano della piattaforma per i contenuti video.

Mike Hopkins, vicepresidente di Prime Video e Amazon Studios, ha commentato: "Il vero valore di questo accordo è il tesoro del catalogo che immaginiamo di ricreare e sviluppare con il talentuoso team di Mgm", una dichiarazione che chiarisce, a tavolino e da lontano, è ovvio, una serie di aspetti dietro questa operazione, che unisce puntini dietro ai quali molti addetti ai lavori ma molti più semplici appassionati di cinema stanno dietro.

Bezos al costo di 8,45 miliardi di dollari non ha comprato solo un catalogo, un pezzo di storia del cinema, ma la possibilità di, appunto, "svilupparlo". Alla luce di tutto ciò si può spiegare l'operazione "Il Signore degli Anelli: gli anelli del potere", la più costosa produzione della storia delle serie tv, ben 450 milioni di dollari, che debutterà il prossimo 2 settembre e il cui 'teaser' e' stato presentato in anteprima mondiale durante l'ultimo Super Bowl.

Come suggerisce il titolo, si tratta di un ulteriore prodotto relativo all'universo narrativo di J. R. R. Tolkien ma, hype e dettagli di trama a parte, potrebbe essere un'indicazione precisa su come gli Amazon Studios potrebbero mettere mano ai lavori che erano di proprieta' della MGM, titoli storici come "Ben Hur", "Via col vento", "Il Mago di Oz", "Cantando sotto la pioggia", "Il dottor Zivago", "Quella sporca dozzina", "2001: Odissea nello spazio", fino ai piu' recenti "Rocky", "Thelma & Louise", "Quattro matrimoni e un funerale" e "La maschera di ferro".

Ma non solo, è inimmaginabile quanti nuovi utenti potrà portare, da sola, la messa in onda de "Il Signore degli Anelli: gli anelli del potere", in quanto poco tempo, con una singola mossa, Jeff Bezos possa trascinare dalla sua parte quei circa 50 milioni di utenti di differenza dalle altre due principali piattaforme. E se la stessa operazione verrà pensata per altri prodotti come James Bond o Rocky? A quel punto Netflix e Disney+ potrebbero davvero sventolare bandiera bianca.