Per la prima volta nella storia il prezzo del petrolio (Wti) va in negativo

Per la prima volta nella storia il prezzo del petrolio (Wti) va in negativo

In percentuale la perdita è pari al 140%. Il barile texano ha ceduto il 305% all'incredibile cifra di -37,63 dollari

prezzo petrolio negativo 

Petrolio barili

Crollo storico per il future Wti al Nymex. Il contratto con consegna a maggio ha chiuso il suo ultimo giorno di contrattazioni in negativo per la prima volta nella storia. Il barile texano ha ceduto il 305% all'incredibile cifra di -37,63 dollari.

A provocare la caduta è stato un insieme di motivi macroeconomici ma soprattutto tecnici. Di greggio sul mercato ce n'è sicuramente in abbondanza, la recessione provocata dal coronavirus ha ridotto drasticamente la domanda e le riserve strategiche sono vicine alla saturazione, nonostante il taglio alla produzione operato da Opec+ e altri Paesi del G20.

Il vero motivo del collasso record odierno risiede pero' innanzitutto nello 'swap' sulle scadenze. Il future di maggio sarà sostituito domani da quello con scadenza a giugno e tutti gli operatori lo hanno abbandonato a favore del nuovo contratto che ha 'limitato' il calo a 16,30% a 20,95 dollari a barile, rendendo meglio l'idea sul 'reale' valore attribuito dal mercato all'oro nero.

Anche il Brent ha viaggiato più tranquillo, con un ribasso dell'8,55% a 25,68 dollari, con una forchetta rispetto al Wti di giugno in linea con i valori storici.