Il monito del Quirinale sulla manovra

Il capo dello Stato invita a "difendere il risparmio degli italiani" e a portare avanti un "dialogo costruttivo con le istituzioni europee". Il testo della lettera di Mattarella.

mattarella manovra conte ue
 Alberto PIZZOLI / AFP
Sergio Mattarella-Giuseppe Conte (AFP)

Dialogare con l'Europa, e salvaguardare stabilità e risparmi degli italiani. È l'invito rivolto al governo dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, nella lettera di accompagnamento all'autorizzazione alla presentazione della manovra alle Camere. Pronta la risposta di Palazzo Chigi: esiste un comune intento, con la Ue, di lavorare alla stabilità dei conti pubblici e alla crescita, in un contesto di dialogo "proficuo e costante". Dall'opposizione, Forza Italia interpreta l'intervento di Mattarella, comunque, come un avvertimento, e, sull'equilibrio dei conti pubblici, intima: "Nessuno scherzi con il fuoco".

Palazzo Chigi promette un "dialogo proficuo" con Bruxelles

Il Colle, dunque. "Desidero rivolgermi al governo, nel comune intento di tutelare gli interessi fondamentali dell'Italia, con l'obiettivo di una legge di bilancio che difenda il risparmio degli italiani, rafforzi la fiducia delle famiglie, delle imprese e degli operatori economici e ponga l'Italia al riparo dall'instabilità finanziaria", scrive il presidente della Repubblica sollecitando il governo "a sviluppare - anche nel corso dell'esame parlamentare - il confronto e un dialogo costruttivo con le istituzioni europee". "L'interlocuzione tra il governo italiano e la Commissione europea avviene nel contesto di un dialogo proficuo e costante", replica l'esecutivo. "C'è senz'altro il comune intento di lavorare alla stabilità dei conti pubblici e alla tutela del risparmio" e, si assicura, il governo "intende rilanciare la crescita e l'occupazione, con una particolare attenzione agli investimenti pubblici, alla creazione di un ambiente normativo e istituzionale favorevole agli investimenti privati e al contrasto della povertà e delle disuguaglianze". 

Le reazioni delle opposizioni

Mattarella "dice quello che pensa la stragrande maggioranza dei cittadini italiani", sottolinea il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. "L'Italia conta di più in Europa se usa la forza della diplomazia, dell'essere la seconda potenza manifatturiera dell'Unione, la forza degli argomenti. E per fare questo bisogna essere credibili. L'Europa si deve e si può cambiare non con la violenza verbale, o velleitarie dichiarazioni di guerra, ma con la forza delle idee e delle proposte". Ed è, dunque, "sbagliata la strada perseguita dal governo".

"La lettera del Presidente della Repubblica al premier Conte interpreta un sentimento di preoccupazione diffuso tra gli italiani per un braccio di ferro dissennato e autolesionista con l'Unione europea", osserva anche Pier Ferdinando Casini. "La gestione che il governo ha fatto di questa legge di Bilancio - prosegue l'ex presidente della Camera - è già riuscita a produrre danni ingenti per i risparmiatori e le famiglie. Senza fare nulla, sono già riusciti a produrre guasti rilevanti". E chiede: "Si torni indietro da una strada senza uscite".

Per il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, le parole di Mattarella equivalgono a un "avvertimento rivolto ai trucchi del governo che sta mentendo spudoratamente su pensioni, reddito di cittadinanza e Flat tax. Siamo di fronte a dei bari che, per rispettare soprattutto le menzogne grilline, dicono cose non vere. Ma la logica dei numeri non può essere elusa". Mattarella lancia "un monito al governo giallo verde", rincara la capogruppo FI alla Camera, Maria Stella Gelmini: "tutelare i risparmi degli italiani e garantire l'equilibrio dei bilanci pubblici. Nessuno scherzi col fuoco. Lavoreremo in Parlamento per una legge di bilancio sostenibile". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.