Cracco in Cina per settimana cucina italiana nel mondo

Cracco in Cina per settimana cucina italiana nel mondo
Carlo Cracco (agf) 

di Eugenio Buzzetti

Pechino - Il tartufo, l'olio d'oliva, i prodotti tipici regionali e i grandi chef, ma anche i film che celebrano la cucina italiana e le nuove frontiere, come l'incontro tra il cibo e il design. Quattordici eventi tra il 21 e il 27 novembre racconteranno la cucina italiana a Pechino, in occasione della settimana della cucina italiana nel mondo, l'iniziativa lanciata ufficialmente il 26 ottobre scorso a Villa Madama, a Roma, dal sottosegretario allo Sviluppo Economico, Ivan Scalfarotto e dai ministri: degli Esteri, Paolo Gentiloni, delle Politiche Agricole Maurizio Martina, dell'Istruzione Stefania Giannini. 

DAL CIBO FUNZIONALE A 'LA CENA' DI SCOLA OLTRE 70 APPUNTAMENTI
La Cina ospiterà il più ricco calendario di eventi con oltre settanta iniziative nelle principali municipalità del gigante asiatico. "La cucina italiana e i suoi prodotti sono parte integrante della cultura del nostro Paese e parlano di Italia a milioni di persone in tutto il mondo", ha affermato l'ambasciatore d'Italia a Pechino, Ettore Sequi, sottolineando l'importanza che il buon cibo riveste in Cina, così come in Italia. Tra gli ospiti più importanti, in Cina, ci sarà lo chef stellato Carlo Cracco, che il 25 novembre promuoverà dalla China Central Television la cucina italiana all'estero. Il 26, assieme a Stefano Giovannoni e Antonello Fusetti illustrerà le nuove frontiere del "cibo funzionale" in un incontro tra food e design. Lo chef italiano curerà anche il menu della cena di gala della Camera di Commercio Italiana in Cina, che ha conferito quest'anno, il marchio di qualità "Ospitalità Italiana" a 66 ristoranti italiani in tredici città cinesi. La manifestazione partirà già il 16 novembre con una tre giorni di competizione tra chef in piatti a base di pasta. Dal 21 e il 24 novembre, l'Istituto italiano di cultura organizzerà la proiezione di cinque film: si comincia con "Quando l'Italia mangiava in bianco e nero", di Andrea Gropplero di Troppenburg e "La cena per farli conoscere", di Pupi Avati. Il 22 verrà proiettata, invece, "La cena", di Ettore Scola, e il 23, "Lunga vita alla signora" di Ermanno Olmi, tutti con sottotitoli in cinese. La rassegna si chiude il 24 novembre con la proiezione del film "Caffè", presentato dal regista Cristiano Bortone. Il vino, il tartufo, l'olio di oliva e gli altri prodotti tipici di qualità saranno protagonisti dell'evento di degustazione al Rosewood Hotel organizzato dal progetto di promozione del made in Italy nel settore agroalimentare 100Ita del 23 novembre prossimo. Ancora il tartufo, e il suo utilizzo in cucina, saràal centro del laboratorio organizzato dall'Istituto italiano di cultura di Pechino, con gli chef Bombana e Marino D'Antonio.