Latte: Coldiretti, causa eredita' passato ora dramma e' prezzo

Latte: Coldiretti, causa eredita' passato ora dramma e' prezzo
 Latte produzione stalle

Roma - E' una pesante eredita' delle troppe incertezze e disattenzioni del passato nel confronti dell'Europa nell'attuazione del regime delle quote latte che e' terminato quasi una anno e mezzo fa, il 31 marzo 2015. E' quanto ha affermato la Coldiretti nel commentare l'avvio della causa della Corte di giustizia contro il nostro Paese per recuperare ben 1,343 miliardi dalle quote latte proprio nel momento in cui il prezzo insostenibile riconosciuto agli allevatori sta provocando la chiusura delle stalle.
La procedura di infrazione dell'Ue per il mancato recupero dei prelievi dovuti dagli allevatori che hanno superato le quote latte individuali per il periodo compreso fra il 1995 e il 2009 e' stata determinata da una disattenzione nei confronti delle politiche comunitarie che - ha sottolineato la Coldiretti - hanno danneggiato la stragrande maggioranza degli agricoltori italiani che si sono messi in regola ed hanno rispettato le norme negli anni acquistando o affittato quote per un valore complessivo di 2,42 miliardi di euro. Le pendenze a cui fa riferimento l'Unione Europea riguardano duemila produttori con 600 di loro che devono pagare somme superiori a 300.000 euro, cioe' la gran parte del debito.
La questione quote latte - ha ricordato Coldiretti - e' iniziata oltre 30 anni fa nel 1984 con l'assegnazione ad ogni Stato membro dell'Unione di una quota nazionale che poi doveva essere divisa tra i propri produttori ma all'Italia fu assegnata una quota molto inferiore al consumo interno di latte. Dalla fine delle quote latte hanno chiuso in Italia - ha sottolineato la Coldiretti - almeno 1500 stalle da latte, per effetto del crollo del prezzo pagato agli allevatori che e' sceso al di sotto dei costi di alimentazione del bestiame, su valori di ben 15 anni fa. Per effetto di questi pochi centesimi le stalle presenti in Italia sono scese al minimo storico di meno di 33mila unita', rispetto alle 180mila attive nel 1984 all'inizio del sistema delle quote.
"Adesso ci sono tutte le condizioni per alzare anche in Italia il prezzo pagato agli allevatori da Lactalis che ha giustamente chiuso un accordo in Francia con un aumento di 3 centesimi al litro", ha affermato il vicepresidente della Coldiretti Ettore Prandini nel chiedere l'immediata apertura del confronto con l'industria lattiero casearia italiana e con Lactalis Italia per discutere un prezzo del latte che tenga conto della nuova situazione di mercato. Occorre adeguare i contratti ai cambiamenti degli ultimi mesi con il prezzo del latte spot venduto cioe' al di fuori dei normali contratti di fornitura che - ha concluso - e' salito del 48% passando da 24,74 della fine di aprile a 36,60 centesimi al litro della fine di agosto in soli 4 mesi. (AGI)