Landini: anche Cgil si attivi per costruire coalizione sociale

(AGI) - Roma, 17 mar. - "Pensiamo che sarebbe utile che laCgil, insieme alla Fiom, si attivasse per costruire unacoalizione sociale a partire dall'interesse e dalladisponibilita' espressa da tutti i partecipanti a una primadiscussione sviluppatasi lo scorso sabato 14 marzo". E' quantosi legge in una lettera della segreteria della Fiom consegnatadal leader del sindacato dei metalmeccanici, Maurizio Landini,al segretario della Cgil, Susanna Camusso, durante l'incontrofra i due che si e' svolto questa mattina. "La Fiom-Cgil e'contraria a che qualsiasi struttura della nostraorganizzazione, tantomeno la confederazione, promuovaformazioni politiche o sostenga

(AGI) - Roma, 17 mar. - "Pensiamo che sarebbe utile che laCgil, insieme alla Fiom, si attivasse per costruire unacoalizione sociale a partire dall'interesse e dalladisponibilita' espressa da tutti i partecipanti a una primadiscussione sviluppatasi lo scorso sabato 14 marzo". E' quantosi legge in una lettera della segreteria della Fiom consegnatadal leader del sindacato dei metalmeccanici, Maurizio Landini,al segretario della Cgil, Susanna Camusso, durante l'incontrofra i due che si e' svolto questa mattina. "La Fiom-Cgil e'contraria a che qualsiasi struttura della nostraorganizzazione, tantomeno la confederazione, promuovaformazioni politiche o sostenga questa o quella componentepolitica o di partito", si legge ancora nella lettera dirisposta della Fiom alla nota della segreteria della Cgildiffusa ieri. La lettera sottolinea anche che "la coalizione socialeproposta dalla Fiom-Cgil non si configura in alternativa a unprocesso di unita' con Cisl e Uil (in ogni caso non certofacile, date le profonde divergenze in essere) ne' tantomeno incontrasto alle forze politiche esistenti. Anche perche' laproposta della coalizione sociale non prevede la presenza delleforze politiche ma non intende escludere nessuno, anzi, in unpieno e rinnovato spirito confederale includere sulla base diobiettivi e campagne condivise". Infine, viene ribadito che la scelta di avviare il cantiereper la coalizione sociale da parte della Fiom "e' avvenuta dopomesi di discussione e si e' conclusa con il voto dell'assembleanazionale a Cervia a cui ha partecipato ed eì' intervenuta lasegreteria nazionale Cgil, senza tra l'altro sollevare alcunaobiezione di merito ne' di metodo". LA RISPOSTA DI SUSANNA CAMUSSO"Pensiamo che bisogna cancellare qualsiasi ambiguita': e'necessario che Landini dica quello che pensa tutta la Cgil ecioe' che noi non diventiamo ne' i sostituti ne' i costruttoridi nuovi movimenti politici". E' quanto ha affermato ilsegretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in merito allepolemiche di questi giorni dopo il lancio da parte delsegretario della Fiom del Movimento di 'Coalizione sociale'". "Vedremo - ha proseguito Camusso - se c'e' una rispostapositiva, allo stato ancora non la abbiamo". E' necessariocancellare qualsiasi ambiguita' e chiarire "che il sindacato hauna sua soggettivita' politica e una sua fortissima autonomia".Riguardo alle ipotesi circolate che Landini voglia scalare ilsindacato, Camusso ha risposto: "io non sono per vivere didietrologia e di complotti, penso che ci sia un dibattitopolitico aperto e che la scorciatoia del movimento non siacoerente al bisogno del sindacato che ha il Paese". Secondo ladirigente sindacale "bisogna chiudere la discussione in modotrasparente. Dobbiamo lavorare sulla contrattazione, abbiamotanto da fare senza inventarci dell'altro". La Cgil ha fattoalla Fiom una proposta precisa: "si dicano insieme - haprecisato ancora Camusso - le ragioni e la piattaformasindacale della manifestazione del 28 marzo e si dica insiemeche non si e' soggetti portatori di nessun movimento perche' ciconcentriamo sull'unificazione del mondo del lavoro. Siamo inattesa - ha concluso Camusso - di una risposta della Fiom". (Il bisogno di politica del segretario generale della Fiom,Maurizio Landini, "non puo' stravolgere la natura della Cgil:se il segretario della Fiom dice che non ha intenzione dicostruire un movimento politico, rinnoviamo la richiesta difare una nota congiunta che ponga fine a questo dibattito chesi e' creato". E' quanto ha affermato la leader della Cgil,Susanna Camusso, a margine di un convegno della Confesercenti.In particolare, Camusso chiede a Landini una nota congiuntasulla manifestazione del 28 marzo in cui si cancelli qualsiasiambiguita' sul fatto che il sindacato abbia una sua fortissimaautonomia dalla politica. .