Apple ammette di rallentare di proposito i vecchi iPhone. Che fare?

Il motivo, spiega l'azienda, è consentire ai device con una batteria vecchia di lavorare lo stesso senza spegnersi all'improvviso. Cambiare la batteria quindi potrebbe risolvere il problema, forse 

Apple ammette di rallentare di proposito i vecchi iPhone. Che fare?

Da un anno a questa parte potreste aver notato che il vostro iPhone è più lento. Non è solo un’impressione: sul sito Reddit molti diversi utenti hanno lamentato un rallentamento del proprio cellulare senza che nessuno abbia scaricato nuove app. E così Apple ha optato per regolare (al ribasso) la velocità dei processori, man mano che la batteria si deteriora in modo da mantenere gli iPhone funzionanti. Questo per evitare, come già accaduto in passato, che il telefono si arresti senza preavviso. È la prima volta che Apple ammette di farlo, sottolinea Quartz

“Ci stiamo lavorando”

“Il nostro obiettivo — fa sapere la Apple — è offrire la migliore esperienza per i clienti, fra cui prestazioni complessive e il prolungamento della vita dei loro dispositivi. La capacità delle batterie al litio di fornire correnti di picco diminuisce quando fa freddo, quando la batteria è quasi scarica, o con l’età del componente. Il risultato è che il telefono può spegnersi all’improvviso per proteggere la componentistica. L’anno scorso abbiamo rilasciato una funzionalità per iPhone 6, iPhone 6s e iPhone SE per ridurre i picchi istantanei ai casi strettamente necessari per prevenire il problema dello spegnimento. Ora abbiamo esteso questa funzione a iPhone 7 con iOS 11.2 e prevediamo di aggiungere il supporto per altri prodotti in futuro”.

La soluzione? Cambiarla, ad esempio, e dargli così nuova vita. Ma l’operazione – osserva Quartz – non è così immediata: non esiste infatti un modo per sostituirla da soli senza invalidare la garanzia. Bisogna fissare un appuntamento al centro Apple, di fare la fila per consegnarlo, pagare 89 euro, e sperare che il tutto sia risolto nel giro di pochi giorni.

Ma come accorgersene?

Per capire se il nostro smartphone è tra i ‘fortunati’ è necessario effettuare un test: per eseguirlo – spiega il Corriere - ovviamente c'è un'app, Battery Life, che si è dimostrata precisa e puntuale. “Occhio però che sull'App store ce ne sono due e solo questa è quella giusta.

Una volta scaricata sull'iPhone basta lanciarla e leggere i risultati: sarà lei a dirci se è il caso di fare un intervento sul telefono. In extremis possiamo affidarci ai consigli della Melaper ottimizzare l'autonomia dell'accumulatore ma spesso non serve. Se la batteria è andata non c'è nulla da fare”.

La batteria è da sostituire. Cosa fare?

In caso la batteria sia da sostituire abbiamo due strade: affidarci ad Apple o a rivenditori. “Partiamo dal canale ufficiale. L'iPhone ha due anni di garanzia sulla batteria che diventano tre se abbiamo sottoscritto il piano di assistenza AppleCare+. In questo caso Apple sostituisce la batteria gratuitamente se mantiene meno dell'80% della sua capacità originale.

Se la garanzia è scaduta invece il costo è di 89 euro e vale per “Tutti i modelli di iPhone idonei” anche se non è specificato quali sono. In entrambi i casi comunque possiamo far riparare il telefono andando direttamente all'Apple Store”.

La riparazione fai da te

La seconda strada “è affidarsi a centri di riparazione non ufficiali. In questo caso qualsiasi intervento invaliderà la garanzia ed è quindi consigliabile solo a chi ha un telefono più vecchio di due anni o di tre se ha sottoscritto AppleCare. E qui si apre un mondo. I più intraprendenti possono tentare la via casalinga prendendo un kit di riparazione online completo di batteria e attrezzi del mestiere.

Su internet il prezzo è tra i 20 e i 35 euro a seconda del telefono. La difficoltà dell'operazione varia parecchio in base al modello e sul web ci sono numerosi tutorial che ci guidano nell'esecuzione. In caso qualcosa vada storto c'è sempre un'ultima chance: i centri di riparazione non ufficiali”.

I negozi non ufficiali

Diversi negozietti di informatica ed elettronica offrono di cambiare la batteria decedute del telefono al posto nostro. “Spesso utilizzano batteria non ufficiali, talvolta i pezzi provengono da telefoni rotti in cui l'accumulatore è rimasto integro e, insomma, alla fine è un terno al lotto. Ci sono persone capacissime in grado di far tornare in forma il telefono utilizzando pezzi di prima qualità ma anche parvenu che tentano una fonte di guadagno da un mondo che non conoscono. Come in ogni settore meglio non andare troppo al ribasso. I prezzi variano dai 30 ai 70 euro e c'è chi esegue l'operazione anche in mezz'ora”.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it