Grexit spaventa mercati, l'Ue si prepara all'emergenza

(AGI) - Roma, 15 giu. - L'ennesimo fallimento delle trattativeper il salvataggio della Grecia, che si e' consumato nelfine-settimana, torna ad agitare i mercati. La borsa di Ateneperde il 4,5%, dopo aver ceduto oltre il 6%, mentre Francofortearretra dell'1,5% e Milano arriva a perdere il 2%. Sottopressione soprattutto i titoli bancari in Italia, Spagna ePortogallo. Lo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschischizza a 158 punti per poi attestarsi sui 148. L'euro tocca ilminimo di 1,1188 sul dollaro per poi risalire a 1,12. L'incubo di un default ellenico sembra sempre

(AGI) - Roma, 15 giu. - L'ennesimo fallimento delle trattativeper il salvataggio della Grecia, che si e' consumato nelfine-settimana, torna ad agitare i mercati. La borsa di Ateneperde il 4,5%, dopo aver ceduto oltre il 6%, mentre Francofortearretra dell'1,5% e Milano arriva a perdere il 2%. Sottopressione soprattutto i titoli bancari in Italia, Spagna ePortogallo. Lo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschischizza a 158 punti per poi attestarsi sui 148. L'euro tocca ilminimo di 1,1188 sul dollaro per poi risalire a 1,12. L'incubo di un default ellenico sembra sempre piu' concretodopo che i negoziati che dovevano consentire alle parti diarrivare alla riunione dell'Eurogruppo del 18 giugno con unaccordo si sono conclusi con un nulla di fatto. Al momento imargini di manovra sembrano quanto mai ridotti, con Atene cheaccusa i creditori di scarso realismo, mentre in Europa simoltiplicano gli appelli affinche' gli stati membri sipreparino all'emergenza. A tentare di mediare il Fondomonetario internazionale: nella notte il capo economistaOlivier Blanchard ha avvertito che "un accordo sulla Greciarichiede scelte dure da tutte le parti". Atene dovrebbeimpegnarsi seriamente su "misure credibili" e i creditoridovrebbero "riprogrammare i pagamenti sul debito a tassi diinteresse piu' bassi". "Gli stati membri sono comprensibilmente nervosi e dobbiamogarantire che l'Eurozona sia preparata a qualsiasi scenariorispetto alla crisi greca". Ammonisce il vice presidente dellacommissione europea, Valdis Dombrovskis, sottolinenado che "lapalla ora e' chiaramente nel campo del governo greco". Ancorapiu' esplicito il tedesco Guenther Oettinger, commissario Ueall'economia digital: "Dobbiamo preparare un piano per unostato d'emergenza perche' la Grecia entrera' in uno statod'emergenza", ha detto. "Penso che la commissione Ue debbalavorare a un piano che eviti un peggioramento dellasituazione, nel caso la Grecia lasci l'euro e in caso dibancarotta". Di un "rischio reale di Grexit" parla anche ilministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Garcia-Margallo,mentre dal presidente francese, Francois Holland, arriva invecel'invito "a riprendere il negoziato il prima possibile". Tsipras, dal canto suo, non si scompone e assicura che laGrecia e' pronta ad aspettare finche' i suoi creditori nondiventeranno piu' "realisti". "Pazienteremo - scrive algiornale Ephimarida ton Syndakton - finche' le istituzioni nondiventeranno piu' realiste". Secondo il premier a guidare icreditori e' l'"opportunismo politico", che li spinge a unpressing su Atene per ottenere la riforma delle pensioni."Portiamo sulle nostre spalle la dignita' di un popolo e lasperanza dei popoli europei", speiga Tsipras, sottolinenado chela tenacia dimostrata nel negoziato da Atene non e'un'"ossessione ideologica" ma una "questione di democrazia". A ribadire la linea rossa oltra la quale Atene non intendearretrare e' il portavoce del governo, Gabriel Sakellaridis:"Non accetteremo misure sul taglio delle pensioni - dice -sull'aumento dell'Iva sui principali beni di consumo, o misureche rafforzino il circolo vizioso dell'austerita'". (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it