Grecia: Eurogruppo, piu' forti per limitare conseguenze

(AGI) - Bruxelles, 27 giu. - Grazie agli strumenti messi incampo per superare la crisi finanziaria degli anni scorsi,l'Eurozona e' ora piu' forte e disponde degli strumentinecessari per far fronte alle conseguenze della fine delprogramma di aiuti alla Grecia, che scadra' martedi' prossimo.E' quanto afferma l'Eurogruppo in una dichiarazione pubblicataal termine della riunione informale che si e' tenuta per laprima volta senza la partecipazione del ministro greco. "GliStati dell'Eurozona intendono fare un pieno uso di tutti glistrumenti disponibili per preservare l'integrita' e stabilita'dell'Eurozona. Questo completera' tutte le azioni che la

(AGI) - Bruxelles, 27 giu. - Grazie agli strumenti messi incampo per superare la crisi finanziaria degli anni scorsi,l'Eurozona e' ora piu' forte e disponde degli strumentinecessari per far fronte alle conseguenze della fine delprogramma di aiuti alla Grecia, che scadra' martedi' prossimo.E' quanto afferma l'Eurogruppo in una dichiarazione pubblicataal termine della riunione informale che si e' tenuta per laprima volta senza la partecipazione del ministro greco. "GliStati dell'Eurozona intendono fare un pieno uso di tutti glistrumenti disponibili per preservare l'integrita' e stabilita'dell'Eurozona. Questo completera' tutte le azioni che la Bancacentrale europea puo' fare in piena indipendenza e in linea conil suo mandato". Quanto ai fondi salvastati Efsf e Esm,"restano i forti strumenti con il nostro pieno sostegno chesono sempre stati". Nel comunicato finale dei 18 ministri delle finanze, sisottolinea che "la fine dell'accordo finanziario dell'Efsf conla Grecia, senza la prospettiva immediata di un successivoaccordo, richiedera' misure da parte delle autorita' greche,con l'assistenza tecnica delle istituzioni, per salvaguardarela stabilita' del sistema finanziario greco. L'Eurogruppocontrollera' da vicino la situazione economica e finanziaria inGrecia e rimane pronto a riunirsi per prendere le decisioniappropriate se necessario, nell'interesse della Grecia comepaese dell'Eurozona". Infine, "restiamo pronti ad assistere esostenere la Grecia e il popolo greco se richiesto, in seguitoalla fine dell'accordo finanziario con l'Efsf". (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it