Google cede alla versione Lite del suo smartphone: in arrivo un Pixel XL economico

I Pixel hanno una loro nicchia di fan, ma non sono riusciti a conquistare una larga fetta di mercato. Con le vendite degli smartphone stagnanti, molti produttori hanno scelto l'opzione “Lite” per ampliare la propria platea

Google cede alla versione Lite del suo smartphone: in arrivo un Pixel XL economico
Ayami Yoshikawa / Yomiuri / The Yomiuri Shimbun
 
 Google Pixel 3 e 3 XL

La versione leggera conquista anche Google. Si dà ormai per certo, nel 2019, l'arrivo di un Pixel 3 Lite, cioè uno smartphone più economico rispetto a quelli lanciati in autunno. Adesso spuntano le prima immagini (non ufficiali) anche di un Pixel 3 Lite XL. Economico sì, ma con display di dimensioni maggiori.

Come sarà la gamma Lite

Il Pixel 3 Lite, sostiene 91mobiles, avrà uno schermo da 5,5 pollici (identico a quello del Pixel 3), mentre il Lite XL dovrebbe avere una diagonale di 6 pollici (0,3 in meno rispetto al Pixel 3 XL). Quanto al design, gli smartphone meno costosi avrebbero optato per uno stile più classico, senza notch. Mentre sul retro dovrebbe esserci la scocca bicolore che è la firma di Mountain View sui suoi prodotti hardware. I dispositivi dovrebbero essere abbinati a un processore Snapdragon 670 di Qualcomm e avere 4GB di RAM. Non ci sono certezze sulla data di lancio, che dovrebbe essere comunque nel primo trimestre del 2019.

Questione di equilibrio

I Pixel hanno una loro nicchia di fan, ma non sono riusciti a conquistare una larga fetta di mercato. Con le vendite degli smartphone stagnanti, molti produttori hanno scelto l'opzione “Lite” per ampliare la propria platea. Dispositivi più economici, con materiali e specifiche meno ambiziosi. Molto del loro successo dipende dall'equilibrio tra prezzo e qualità offerta. L'iPhone XR (che non è proprio un Lite) sta soffrendo perché il prezzo è sì inferiore a quello dei XS, ma non è abbastanza basso da convincere gli utenti. Il tentativo di Google avrebbe quindi senso solo se si orientasse (come pare) su un cartellino ben più abbordabile: le indiscrezioni suggeriscono 400-500 dollari.     



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.