Fca, vendite boom ma dipendenti Usa bocciano accordo

(AGI) - Roma, 1 ott. - Boom di vendite per Fca a settembre ma i40 mila dipendenti di Usa aderenti all'Uaw, il sindacato deilavoratori dell'auto statunitensi, respinge con il 65% dei votil'accordo di principio sul nuovo contratto. Il Gruppo si dice"deluso" dal voto contrario ed auspica che il dialogo prosegua.Le vendite di Fiat Chrysler Automobiles in Italia superano ilmercato per la nona volta consecutiva: a settembre segnano un+20,3%. Sono state 36.900 le immatricolazioni Fca per una quotadel 28,4%, +0,75 punti percentuali rispetto a un anno fa.Continua la forte crescita di Jeep:

(AGI) - Roma, 1 ott. - Boom di vendite per Fca a settembre ma i40 mila dipendenti di Usa aderenti all'Uaw, il sindacato deilavoratori dell'auto statunitensi, respinge con il 65% dei votil'accordo di principio sul nuovo contratto. Il Gruppo si dice"deluso" dal voto contrario ed auspica che il dialogo prosegua.Le vendite di Fiat Chrysler Automobiles in Italia superano ilmercato per la nona volta consecutiva: a settembre segnano un+20,3%. Sono state 36.900 le immatricolazioni Fca per una quotadel 28,4%, +0,75 punti percentuali rispetto a un anno fa.Continua la forte crescita di Jeep: +251,1 per cento nell'annoanche grazie alla Renegade. Settembre positivo per il marchioFiat grazie anche al costante successo della Panda e dellafamiglia 500. Segno positivo anche per Alfa Romeo, che aumentale vendite dell'11 per cento in settembre, e per Lancia: +3,8nei primi nove mesi dell'anno. Nel mese cinque modelli FCA trale top ten: Panda (auto piu' venduta in assoluto), Ypsilon,Punto, 500L e 500X. In Italia la Motorizzazione haimmatricolato nel mese di settembre 130.071 autovetture, conuna variazione di +17,15% rispetto a settembre 2014, durante ilquale ne furono immatricolate 111.027. Nei primi 9 mesi sonostate immatricolate 1.196.270 autovetture, con una variazionedi +15,32% rispetto al periodo gennaio-settembre 2014, duranteil quale ne furono immatricolate 1.037.388. Lo scandalo dellaVolkswagen dunque non sembra aver toccato il mercato. In Italiasono 648.458 i veicoli del gruppo tedesco con il motore dieselsotto accusa, comunica Volkswagen Group Italia, precisando chele auto con i motori EU5 Tipo EA 189, interessatidall'intervento di manutenzione, sono 361.432 di marcaVolkswagen; 197.421 Audi; 35.348 Seat; 38.966 Skoda; 15.291Volkswagen Veicoli Commerciali. Il piano d'azione prevede cheVolkswagen AG e le altre Case madri delle Marche del Gruppocoinvolte "presentino le soluzioni tecniche e le relativemisure alle Autorita' competenti nel mese di ottobre".I clienti- si legge nella nota - verranno informati su tempistiche emodalita' per l'esecuzione dell'intervento di manutenzioneservice. Tutti i concessionari e service partner saranno ingrado di individuare precisamente i veicoli coinvolti nel pianod'azione. Grazie al numero di telaio sara' anche possibileescludere i veicoli che non necessitano dell'intervento". Inuovi veicoli del Gruppo Volkswagen dotati di motori Diesel EU6attualmente disponibili nell'Unione Europea - e quindi anche inItalia - "non sono coinvolti e soddisfano i requisiti legali egli standard ambientali. Tutti i veicoli coinvolti,equipaggiati con motori Diesel EU5 Tipo EA 189 - assicura ilgruppo - "sono tecnicamente sicuri e adatti alla circolazionesu strada". Intanto Rupert Stadler, presidente e ad di Audi,intervenendo al meeting annuale Ifswf, in corso ad Expo,annuncia l'investimento di 1,4 miliardi in Italia "entro il2019". "Siamo market leader in Italia - ha aggiunto - e qui siricomincia a comprare auto". Il gruppo vanta 14mila impiegatied e' tra i 35 principali datori di lavoro. La formula delsuccesso secondo Stadler e' quella di "mantenere il branditaliano". Anche per questo "la Ducati rimarra' la Ducatiperche' - ha concluso - non si distrugge l'orgoglio diun'azienda". (AGI).