Da oggi i dazi Usa colpiscono l'Europa per 7,5 miliardi di dollari

Aerei, vini francesi, formaggi italiani, whisky scozzesi. Parte la nuova offensiva del Presidente Donald Trump contro Bruxelles

dazi usa ue
 NICHOLAS KAMM / AFP
Donad Trump

Aerei, vini francesi, formaggi italiani, whisky scozzesi: da oggi, gli Stati Uniti hanno imposto dazi doganali supplementari per 7,5 miliardi di dollari su una serie di merci provenienti dai paesi dell'Unione Europea, con la prospettiva di un inasprimento delle tensioni commerciali transatlantiche.

Queste tariffe sono entrate in vigore alle 00:01 ora di Washington, quattro giorni dopo che l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha dato il via libera a Washington per imporre sanzioni contro l'UE in rappresaglia per le sovvenzioni concesse al costruttore europeo di aeromobili Airbus.

Questa nuova offensiva del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump arriva in un momento in cui Washington e' impantanata in una grande guerra commerciale con la Cina, che potrebbe destabilizzare l'economia globale. Mercoledi' scorso, il presidente Usa ha attaccato ancora una volta gli europei, che ha detto di comportarsi in modo ingiusto erigendo "enormi barriere" contro le importazioni statunitensi nella Ue. Tuttavia, non ha chiuso la porta a un accordo tra le due parti.

Nel mirino degli americani: aerei Airbus, prodotti principalmente in fabbriche nel Regno Unito, Francia, Spagna e Germania, che ora costerà il 10% in piu' se importati negli Stati Uniti. Ma anche i vini europei sono nel mirino di Trump, con una tassa del 25% su queste bevande. Da Washington, dove partecipa alle riunioni annuali del FMI, il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump poco prima dell'entrata in vigore delle tariffe. "Queste decisioni avrebbero conseguenze negative sia dal punto di vista economico che politico", ha avvertito.

"L'UE è pronta a rispondere". Un incontro tra il sindaco e Robert Lighthizer, rappresentante commerciale statunitense (USTR) e capo negoziatore per gli Stati Uniti, e' previsto per venerdi' a Washington. Gli europei sostengono da tempo la negoziazione piuttosto che la guerra commerciale.

Tanto più che essi stessi saranno probabilmente autorizzati dall'OMC l'anno prossimo ad imporre sanzioni doganali contro gli Stati Uniti per le sovvenzioni alla Boeing. Soprattutto, temono che Trump continuerà il suo slancio e imporrà dazi doganali più elevati alle auto europee a metà novembre. Cio' colpirebbe in particolare il settore automobilistico tedesco, che è già in difficoltà, anche se la Volkswagen o la BMW producono i loro veicoli anche negli Stati Uniti.

Trump si lamenta delle difficoltà americane nel vendere i loro prodotti, specialmente le automobili, in Europa, mentre gli europei possono facilmente vendere i loro sul territorio americano. Il conflitto tra i due costruttori di aerei Airbus e Boeing e' solo uno dei tanti problemi che hanno alimentato le tensioni transatlantiche e si sono rapidamente aggravati con l'insediamento di Donald Trump nel 2017.

Adottando una politica decisamente protezionista, il leader americano ha già imposto tariffe più elevate sull'acciaio e l'alluminio dalla Ue e da altri paesi alleati, minacciando al contempo di fare lo stesso con le automobili.

Nel luglio 2018, Trump e il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, hanno concordato una sorta di tregua a Washington, promettendo di condurre negoziati finora falliti. La battaglia legale tra Airbus e Boeing prima dell'Organizzazione Mondiale del Commercio risale al 2004, quando Washington ha accusato Regno Unito, Francia, Germania e Spagna di aver concesso sovvenzioni illegali per sostenere la produzione di aeromobili Airbus.

Un anno dopo, è stata la Ue ad accusare Boeing di aver ottenuto 19,1 miliardi di dollari di sovvenzioni illegali dal governo statunitense tra il 1989 e il 2006. Il risultato e' stata una battaglia legale senza fine, con ogni parte che ha presentato una serie di appelli e controricorsi.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it