Chiuso il concorso per i navigator. Ha partecipato un candidato su tre

A Roma la selezione delle 3.000 persone che lavoreranno nei centri per l'impiego

concorso navigator

Si è chiuso il concorso romano per la selezione dei circa 3.000 navigator per supportare i Centri per l'Impiego di tutta Italia nelle attività previste dal Reddito di Cittadinanza. Al concorso - comunica Anpal Servizi - si è presentato uno su tre candidati attesi per un totale di 19.587 partecipanti, pari al 36,33% dei 53907 candidati attesi. Oggi le ultime due prove in un clima positivo. I partecipanti - in maggioranza donne, trenta-quarantenni, laureati per lo più in materie umanistiche (giurisprudenza, psicologia) - hanno risposto a quesiti che andavano dalla conoscenza del Reddito di cittadinanza e delle materie riguardanti il mercato del lavoro, alla cultura generale, marketing, economia aziendale.

Le prove - fa sapere Anpal Servizi - si sono svolte senza difficoltà e con grande fluidità nell'organizzazione, a testimonianza della grande motivazione con cui giovani e meno giovani hanno affrontato un passaggio importante e delicato di quella che si configura come una vera e propria rivoluzione nel mercato del lavoro e nella quale proprio i navigator saranno - con la loro professionalità - tra gli attori principali.

"Prima ancora di conoscere i risultati dei vincitori nel dettaglio provinciale, che annunceremo la settimana prossima, lasciatemi esprimere la mia grande soddisfazione per come è andata la selezione in questi 3 giorni; è stata data una dimostrazione di professionalità ed efficienza ma soprattutto di grande umanità, con migliaia di persone che hanno partecipato senza che accadesse nulla, in un clima di grande serenità - ha detto Mimmo Parisi, presidente di Anpal e amministratore Unico di Anpal Servizi che contrattualizzerà i Navigator. "Roma - ha commentato Virginia Raggi - ha risposto con prontezza alle esigenze del grande concorso di selezione dei Navigator, un tassello importante per il completamento del Reddito di cittadinanza". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.