"Crisi, dal 2007 investimenti crollati di 110 miliardi"

Cgia, "l'anno scorso lo stock investito e' stato pari a 258,8 miliardi, lo stesso livello di 20 anni fa"

"Crisi, dal 2007 investimenti crollati di 110 miliardi"
 crisi povertà

Roma - Al netto dell'inflazione, tra il 2007 e il 2015, cioe' dall'inizio della crisi, gli investimenti in Italia sono scesi di ben 109,7 miliardi di euro, pari, in termini percentuali, a una diminuzione di 29,8 punti. Nessun altro indicatore economico ha registrato una contrazione percentuale cosi' importante. In termini reali, fa sapere l'Ufficio studi della Cgia, l'anno scorso lo stock investito e' stato pari a 258,8 miliardi di euro, lo stesso livello di 20 anni fa, sebbene per la prima volta dal 2007 gli investimenti mostrino un'inversione di tendenza, salendo dello 0,8%.

I settori che hanno subito la riduzione piu' pesante sono stati i mezzi di trasporto (autoveicoli, automezzi aziendali, bus, treni, aerei, etc.), in flessione del 49,3% (-12,4 miliardi di euro), i fabbricati non residenziali (capannoni, edifici commerciali, opere pubbliche, etc.), con un calo del 43,5% (-44 miliardi). I comparti dei computer/hardware e dell'abitazione hanno invece fatto segnare una variazione negativa del 28,6% (i primi -1,8 miliardi, il secondo -28,7 ). Pesanti anche le cadute subite dal settore degli impianti e dei macchinari (che non include i mezzi di trasporto, i computer/hardware e le telecomunicazioni), che ha registrato una variazione negativa del 27,5% (-23,9 miliardi). Solo le telecomunicazioni (+10,2%) e le attivita' riconducibili alla ricerca e sviluppo (+11,7%) non hanno risentito della crisi. Nell'ultimo anno, comunque, abbiamo invertito la tendenza. Se nel 2014 l'ammontare complessivo degli investimenti era stato di 256,7 miliardi, nel 2015 e' salito a 258,8 (+0,8%). Le imprese sono il settore istituzionale che in misura superiore agli altri ha "tagliato" di piu'. Sempre nel periodo tra il 2007 e il 2015, la contrazione in termini reali degli investimenti e' stata del 31,5%. Seguono le amministrazioni pubbliche (-28,2%), le famiglie consumatrici (-27,5%) e le societa' finanziarie (-3,5%). L'Ufficio studi della Cgia ricorda che, posto pari a 100 il totale degli investimenti nominali presenti in Italia nel 2015, il 60% circa era riconducibile alle imprese e un altro 25% circa alle famiglie consumatrici. Se analizziamo quanto e' successo negli ultimi decenni, ci accorgiamo che l'ammontare complessivo degli investimenti fissi lordi reali registrati l'anno scorso (258,8 miliardi di euro) e' quasi lo stesso che avevamo nel 1995 (264,3 miliardi di euro). In buona sostanza siamo ritornati allo stesso livello di 20 anni fa. In prospettiva, pero', le cose sembrano destinate a migliorare. Secondo quanto riportato nel Def 2016, quest'anno dovremmo registrare una crescita del 2,2%, nel 2017 del 2,5%, nel 2018 del 2,8% e nel 2019 del 2,5%.

"Gli investimenti - sottolinea Paolo Zabeo della Cgia - sono una componente rilevante del Pil. Se non miglioriamo la qualita' dei prodotti, dei servizi e dei nostri processi produttivi siamo destinati a impoverirci. Senza investimenti questo paese non ha futuro. Ricordo, altresi', che le imprese contribuiscono per oltre il 60% del totale nazionale degli investimenti. Pertanto, ha fatto bene il governo nei giorni scorsi ha mettere a disposizione 40 miliardi di interventi in infrastrutture, ambiente e turismo e a inserire nell'ultima legge di Stabilita' la possibilita' per le aziende di ammortizzare al 140% gli acquisti dei nuovi beni strumentali. Tuttavia rimane un problema. Affinche' le imprese e i lavoratori autonomi possano sfruttare quest'ultima possibilita', e' necessario che le banche ritornino a erogare il credito. Altrimenti, le Pmi quali risorse utilizzeranno per investire visto che tradizionalmente sono sottocapitalizzate e a corto di liquidita'?". Nonostante permangano molte difficolta', il sistema Paese evidenzia qualche segnale di ripresa. Sebbene le variazioni siano ancora molto contenute, dall'inizio di quest'anno una buona parte degli indicatori sono preceduti dal segno positivo. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, nei primi 6 mesi del 2016 l'occupazione segna un +1,3%o e nei primi 4 mesi di quest'anno il commercio al dettaglio ha registrato un +0,3%. La produzione industriale e' salita dell' 1,5%. I dati riferiti al primo trimestre, invece, ci dicono che il fatturato dei servizi e' cresciuto dell'1,5%, gli investimenti dell'1,8%, i consumi delle famiglie dell'1,5% e il traffico autostradale dei veicoli pesanti del 4,9%. Bene anche il trend delle ore di cassa integrazione (Cigo+Cigs+Cig in deroga)che nei primi 6 mesi dell'anno e' sceso del 6,5%. In controtendenza, invece, il fatturato dell'industria (-0,8% nel primi 5 mesi dell'anno), gli ordinativi (-2,5% sempre nei primi 5 mesi del 2016) e l'export (-0,4% nel primo trimestre). "Purtroppo - conclude il segretario della Cgia Renato Mason - questi dati rimangono ancora troppo fragili per rilanciare definitivamente la crescita e abbassare in maniera incisiva la disoccupazione. Con un Pil che per l'anno in corso dovrebbe crescere attorno allo 0,6-0,7%, abbiamo bisogno di ritrovare la fiducia degli investitori, introducendo delle misure importanti verso la progressiva riduzione delle tasse e rilanciare i consumi interni e gli investimenti pubblici anche in deficit, per ridare slancio a un Paese che continua a camminare con il freno a mano tirato". (AGI)