Il nuovo sciopero ad Amazon mette a rischio le consegne di Natale?

Il più grande stabilimento italiano (Castel San Giovanni) si ferma di nuovo. Ecco cosa potrebbe succedere nelle prossime ore

amazon sciopero consegne
Amazon 
Magazzino Amazon di Vercelli 

Dopo aver incrociato le braccia nel Black Friday, i lavoratori dello stabilimento Amazon di Castel San Giovanni hanno convocato mercoledì uno sciopero di due ore e minacciano una nuova mobilitazione per i prossimi giorni, proprio a ridosso di Natale. L’agitazione è scattata dopo che i rappresentanti italiani del colosso dell’e-commerce non si sono presentati all’incontro previsto alle 8.30 in Prefettura a Piacenza con i rappresentanti dei lavoratori del polo piacentino che impiega 2.000 persone a tempo indeterminato e altrettanti precari. Prova che la tensione tra lavoratori e Amazon è ancora altissima.

amazon sciopero consegne
 Afp
 Stabilimento Amazon

Perché il mini-sciopero


L’incontro in Prefettura, riporta il Sole 24 Ore, segue il summit dei giorni scorsi in cui fra azienda e sindacati si è giunti a un nulla di fatto sul tema del contratto integrativo (chiesto dai sindacati ma con Amazon che non intende sviluppare la cosa) e sulla richiesta di nuove condizioni contrattuali e di lavoro all'interno dello stabilimento. “Troppa pressione”, hanno fatto sapere al prefetto i dirigenti Amazon, probabilmente anche per l’annunciata presenza di un presidio di lavoratori davanti alla Prefettura (che però è stato annullato). "Eravamo regolarmente dal Prefetto di Piacenza dopo aver acconsentito all'ennesima richiesta di spostare l'incontro con Amazon, e l'azienda non si è presentata all'appuntamento dimostrando di avere in spregio i lavoratori e lo Stato italiano", spiega Fiorenzo Molinari, segretario della Filcams Cgil di Piacenza che insieme ai colleghi di Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Ugl Terziario mercoledì mattina doveva incontrare Amazon in un incontro convocato da Maurizio Falco, prefetto di Piacenza e rappresentante del Governo sul territorio piacentino.

amazon sciopero consegne
 Afp
 Stabilimento Amazon

Sindacalisti scortati dai carabinieri
 

A mandare i rappresentanti sindacali su tutte le furie c’è stato anche il fatto che "Amazon non voleva far entrare i sindacati in azienda per svolgere assemblee già concordate e previste. È stato necessario l'intervento del questore e dei carabinieri per far valere la Legge. È grazie alle forze dell'ordine che ci hanno accompagnato dentro l'azienda se siamo riusciti ad incontrare in assemblea i lavoratori”. Di fatto, prosegue Molinari, “Amazon dimostra di voler giocare in un campo senza regole in cui l'unica legge che vige è quella del più forte". La prossima mossa? “A meno che la controparte non decida di sedersi e discutere della vertenza che infiamma la sede piacentina dello sciopero indetto per il Black Friday (lo scorso 24 novembre), i sindacati attueranno nuove forme di agitazioni” mettendo a rischio le consegne natalizie, si legge sulla Stampa.

amazon sciopero consegne
 Afp
 Magazzino Amazon

I punti di attrito

I punti di contrasto riguardano:

  • La gestione dei periodi di malattia, il cosiddetto comporto, con la richiesta di avvertire la persona prima che scada affinché non scatti subito il licenziamento.
  • I turni di lavoro per i quali si richiede una giusta rotazione del personale, in modo che i turni più pesanti non vengano svolti dai lavoratori con contratto precario, i più esposti alle ritorsioni.
  • Il premio di produttività, che Amazon continua a negare: “Usano il lavoratore come una macchina, sapendo che non può durare più di due, tre anni”, sostiene la Cigl.  

I sindacati hanno scritto una lettera a Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon, chiedendo una tutela delle condizioni di salute elle persone che lavorano per il gigante dell’e-commerce. Amazon si è detto pronto ad aprire un dialogo e a cooperare, ma per ora a Castel San Giovanni non hanno registrato alcun progresso.

amazon sciopero consegne
Amazon 
Magazzino Amazon di Vercelli 

La questione arriva a Roma


Sulla questione è intervenuta anche la sottosegretaria al Lavoro Paola De Micheli, che ha usato parole sicuramente critiche nei confronti di Amazon: “Nel nostro Paese non può considerarsi normale che un’azienda non si presenti ad una convocazione che ha un nobile e coerente obiettivo, effettuata dal rappresentante del Governo sul territorio locale”. E ancora: “Sugli ultimi sviluppi della situazione ho aggiornato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e insieme al Governo ci riserviamo di valutare eventuali nuove iniziative da prendere per ricondurre la vicenda sui binari del confronto rispettoso delle istituzioni e del dialogo fra le parti”.

Davvero si rischiano ritardi nelle consegne?
 

Dal colosso dell’e-commerce nessuna dichiarazione (né rassicurazione) e sul sito web non è specificato quali siano le politiche aziendali riguardo i ritardi di consegna in caso di sciopero. Tuttavia è probabile che i consumatori non saranno danneggiati dallo sciopero, come già accaduto in occasione dell’agitazione dello scorso 24 novembre quando, nel giorno del Black Friday – l’appuntamento più caldo del calendario dell’e-commerce – i lavoratori dello stabilimento di Castel San Giovanni scioperarono contro i vertici italiani del colosso americano.

I ritardi potrebbero riguardare solo le consegne “last minute” con Amazon Prime, in buona parte dell’Emilia Romagna e in Lombardia. Ma nelle ultime ore – si legge sui siti - Amazon sta cercando un modo per potenziare gli altri stabilimenti sparsi in provincia di Milano e Torino. Una soluzione già adottata in occasione del Black Friday quando l’azienda fece ricorso agli altri stabilimenti italiani ed europei per effettuare le consegne.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it