Per i pagamenti elettronici l'Italia guarda al modello portoghese

A Lisbona la fattura elettronica consente di ottenere una detrazione del 15%. Il sistema, in vigore dal 2013, ha consentito di aumentare il gettito Iva del 13%

agevolazioni pagamenti elettronici detrazioni portogallo iva

A Lisbona, chiedere la fattura elettronica permette di ottenere una detrazione del 15% dell’importo pagato. La detrazione, l’anno successivo, potrà essere utilizzata al momento della dichiarazione dei redditi. Ed è proprio al modello portoghese, a quanto risulta dalla nota di aggiornamento al Def, che guarda il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. 

Dal documento che disegna la cornice di una manovra da circa 29 miliardi, approvato il 30 settembre,  emerge che il governo giallo-rosso si sta quindi ispirando a un sistema che, introdotto nel 2013, ha consentito allo stato che si affaccia sull'Atlantico di far crescere in un anno il gettito Iva del 13%.

Si tratta di una procedura sperimentata anche in Italia con i bonifici per le spese di ristrutturazione edilizia, riqualificazione energetica degli edifici o per l’acquisto di mobili per ottenere detrazioni in seguito alla dichiarazione dei redditi.

Con l'approvazione della nota di aggiornamento, il campo d'azione potrebbe allargarsi e riconoscere detrazioni o deduzioni di spese mediche, canoni di locazione prima casa, istruzione, spese funebri e spese per addetti all’assistenza personale o per le attività sportive dei giovani. E questo a patto che il pagamento sia tracciabile, quindi emesso con moneta elettronica o bonifico.

Scongiurare il rischio di evasione

L’idea di base è quella di limitare l’utilizzo del contante per abbassare il rischio di evasione, favorendo i metodi di pagamento tracciabili e stimolando l’uso delle carte di credito e debito. Su queste ultime attualmente grava il peso delle commissioni, che agiscono anche sui piccoli pagamenti.

Per risolvere questo problema, l'abbattimento dei costi, è stato proposto di sottoscrivere con l’Associazione delle banche italiane (ABI) un protocollo a cui dovrebbero aderire, su base volontaria, i principali circuiti di pagamento e di emittenti carte di debito/credito.

L'idea del ministro Gualtieri

Il ministro dell'economia suggerisce l'introduzione di uno stimolo, per chi paga con strumenti elettronici, garantendo un rimborso di una percentuale dell’importo speso. Si tratta del "cashback". Una sorta di sconto in base al quale, anziché far pagare un prodotto il 10% o il 20% in meno, questa stessa medesima percentuale viene restituita una volta effettuato l'acquisto.  A pagare questo rimborso sarebbe il governo stesso, disposto a concedere uno sconto fiscale ai clienti che acquistano servendosi di bancomat o carta di credito.

Si tratta di uno sconto, di cui si beneficerà in sede di dichiarazione dei redditi, che il governo conta di recuperare con il maggior gettito fiscale generato da questa emersione dei pagamenti. La digitalizzazione dei pagamenti viene proposta anche come strumento per contrastare il riciclaggio, le mafie e la criminalità organizzata. 

Come incentivare la moneta elettronica

S tratta di una misura che non può prescindere da altre due azioni mirate e imprescindibili per incentivare l’uso della moneta elettronica. Da una parte l’eliminazione delle commissioni per gli esercenti per i pagamenti al di sotto di determinate soglie e dall'altra l’introduzione di sanzioni mirate per chi non accetta pagamenti elettronici e non attiva il Pos.

Pur esistendo già l’obbligo per tutti gli esercenti di dotarsi di Pos e quindi di accettare pagamenti con carte di credito e debito, al momento non esiste l’importo della sanzione: è stato bocciato dal Consiglio di Stato in quanto privo di una norma specifica.

Infine, per incentivare la moneta elettronica potrebbe essere reso obbligatorio, per la pubblica amministrazione, accettare solo pagamenti elettronici. Una pratica in realtà già attiva preso alcuni sportelli dell'anagrafe in molte città italiane. Un obbligo, questo, che potrebbe essere esteso anche alle società che forniscono servizi pubblici.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it