Musumeci è avanti di 2 punti su Cancelleri a 3 settimane dal voto in Sicilia, un'analisi  

Pietro Vento, direttore di Demopolis: “L’area grigia di chi non ha ancora deciso se e per chi votare è molto vasta: sull’incertezza del risultato elettorale pesa anche un’altissima astensione”

Musumeci è avanti di 2 punti su Cancelleri a 3 settimane dal voto in Sicilia, un'analisi
Foto: Agf
 Musumeci e Cancelleri

A poco più di 3 settimane dal voto del 5 novembre, resta aperta la sfida per la conquista di Palazzo d’Orleans: il candidato di Centro Destra Nello Musumeci è oggi in vantaggio di 2 punti percentuali sul leader del Movimento 5 Stelle in Sicilia Giancarlo Cancelleri: è lo scenario che emerge dall’indagine condotta dall’Istituto Demopolis per il Giornale di Sicilia. Se si votasse oggi per le Regionali, Musumeci otterrebbe il 35%, Cancelleri avrebbe il 33%; il rettore Fabrizio Micari, candidato del Centro Sinistra, si posizionerebbe al 22%, Claudio Fava al 9%, La Rosa all’1%.

 


“L’area grigia di chi non ha deciso se e per chi votare è ancora molto vasta: quella scattata oggi – afferma il direttore di Demopolis Pietro Vento – è una fotografia del consenso, destinata ad evolversi ed a mutare nelle ultime decisive 3 settimane di campagna elettorale. Tra quanti immaginano di recarsi alle urne il 5 novembre, il 63% ha già un orientamento preciso; il 15% esprime un’intenzione di voto, ammettendo però che potrebbe cambiare idea. Il 22%, quasi un quarto degli elettori siciliani, è ancora del tutto indeciso sulla scelta da compiere. E sull’incertezza del risultato pesa anche un’altissima astensione, in parte recuperabile, stimata oggi da Demopolis al 54%. Il peso effettivo delle liste in campo, molte delle quali senza una precisa identità politica – conclude Pietro Vento –  potrà misurarsi in modo corretto soltanto nei prossimi giorni, con l’identificazione, da parte dei cittadini, dei numerosi candidati presenti nei 9 contesti provinciali, il cui peso elettorale inciderà anche sul voto ai candidati alla Presidenza della Regione”.

Attraverso una specifica disaggregazione degli intervistati, l’Istituto Demopolis ha misurato, per il Giornale di Sicilia, il consenso ai candidati anche in base al genere degli intervistati: tra gli uomini, Musumeci superebbe di un solo punto Cancelleri (36 a 35); tra le donne crescerebbe invece al 25% il consenso del candidato del Centro Sinistra Fabrizio Micari, con un dato superiore alla media di 3 punti.

 

Demopolis ha analizzato infine notorietà e fiducia nei candidati alla Presidenza della Regione. Più conosciuto, con l’81%, si conferma Nello Musumeci; in ulteriore crescita, al 70%, è la notorietà di Cancelleri. Ha sentito parlare di Fava il 62%; si rileva infine un ulteriore incremento della conoscenza del rettore Micari, oggi al 43%, con un balzo di 18 punti negli ultimi 40 giorni.

 

Stabile la graduatoria della fiducia: tra quanti hanno sentito parlare dei candidati, il 40% dichiara di fidarsi di Giancarlo Cancelleri, il 39% di Musumeci, il 38% di Micari, il 30% di Fava. In tempi di profonda disaffezione nei partiti – sostengono i ricercatori di Demopolis – si tratta di giudizi decisamente positivi per le principali figure in campo per la conquista di Palazzo d’Orleans. 

 

 

Nota informativa

L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, dal 10 al 12 ottobre 2017 – in esclusiva per il Giornale di Sicilia - su un campione regionale stratificato di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione maggiorenne residente in Sicilia. Supervisione della rilevazione demoscopica con metodologie integrate cawi-cati-cami di Marco E. Tabacchi. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Metodologia ed approfondimenti su www.demopolis.it

 

 
 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it