Marilyn Monroe, 10 film che trasformarono Norma Jean in leggenda

Marilyn Monroe, 10 film che trasformarono Norma Jean in leggenda
Marilyn Monroe in una scena del film "Tutto può succedere" (1962) 

Roma. - Marilyn Monroe e' considerata l'icona sexy del cinema. Nell'immaginario comune, il suo nome e' associato al simbolo della femminilita', prorompente e disarmante. Per conquistare questo ruolo, che non le e' stato mai sottratto da alcuna altra attrice negli ultimi sessant'anni, le sono stati sufficienti una decina di film. Una carriera iniziata come modella fotografica e poi sfociata nel cinema. Nel 1946 il primo contratto di sei mesi con la 20th Century Fox e il cambio di nome: l'originale Norma Jean venne abbandonato per il piu' squillante Marilyn Monroe (il cognome era quello della madre, mentre il nome fu suggerito dal regista Ben Lyon). Per affrontare l'avventura di Hollywood, la giovane attrice appena ventenne prese lezioni di recitazione, cosa che le permise di prendere parte al primo film di cui si ha notizia in cui lavoro', 'The shoking Miss Pilgrim' di George Seaton del 1947: l'attrice interpreta una centralinista ma nel film, nei cui titoli il suo nome non compare, la sua parte e' tagliata e resta solo la sua voce fuori campo. Un inizio 'soft' per quella che sarebbe diventata la bomba sexy di Hollywood.

Il magnifico scherzo (Monkey Business) di Howard Hawks del 1952

Il primo film in cui compare, in una sola scena in cui saluta la protagonista, e' 'Scudda Hoo! Scudda Hay!' di Arthur Pierson dello stesso anno. Dopo altri film in cui non e' accreditata, il primo film in cui il suo nome compare (14esimo nei crediti) e' 'Dangerous Years' del 1948. Facendo molta gavetta e con tenacia, Norma Jean riusci' a 'frequentare' alcuni grandi film, recitando in piccoli ruoli, sufficienti a farla comunque notare ai produttori: 'Una notte sui tetti' dei fratelli Marx, 'Giungla d'asfalto' di John Huston e 'Eva contro Eva' di Joseph L.Mankiewicz del 1950; 'Le confessioni della signora Doyle' di Fritz Lang, 'Matrimoni a sorpresa' di Edmoung Goulding con Ginger Rogers, 'Il magnifico scherzo' di Howard Hawks (prima volta in cui appare con i capelli biondo platino) e 'La tua bocca brucia' di Roy Baker (primo ruolo da protagonista) del 1952.

La tua bocca brucia (Don't bother the knock) di Roy Ward Baker del 1952

L'anno successivo il suo primo film importante, quello che dara' il via alla sua leggendaria e tragica carriera, 'Niagara' di Henry Hathaway , dove interpreta una 'femme fatale'che vuole uccidere il marito. Seguono poi le pellicole piu' popolari e fortunate, a partire da 'Gli uomini preferiscono le bionde' di Haward Hawks, dove dimostra di essere una discreta attrice e di saper anche cantare e ballare accanto a Jane Russell di cui divenne grande amica.

Gli uomini preferiscono le bione (Gentlemen prefer blondes) di H.Hawks del 1953

Alcune canzoni di questo film - 'Bye Bye Baby' e 'Diamonds Are a Girl's Best Friend' - sono passate alla storia del cinema, cosi' come l'abito rosa di William Travilla che verra' celebrato e imitato nei decenni successivi (anche da Madonna negli anni '90 nel video di 'Material Girl').

Niagara (Niagara) di Henry Hataway del 1953

A questo primo film che consacrera' Marilyn Monroe star di primo piano di Hollywood, faranno seguito altre pellicole memorabili, da 'Come sposare un milionario' di Jean Negulesco a 'La magnifica preda' di Otto Preminger, da 'Quando la moglie è in vacanza' di Billy Wilder a 'Il principe e la ballerina' di Laurence Olivier, da 'A qualcuno piace caldo' di Billy Wilder a 'Gli spostati' di John Huston, fino a 'Tutto può succedere', film incompleto di George Cukor del 1962.

Il principe e la ballerina (The prince and the showgirl) di Lawrence Olivier del 1957

Film famosissimi in cui la Monroe dimostra di non essere solo una donna di bellezza mozzafiato ma anche di avere talento. Nel 1960, nello stesso anno in cui l'America le dedica la stella numero 6774 sulla Walk of Fame di Hollywood Boulevard, l'associazione della stampa straniera di Hollywood le consegna il Golden Globe per 'A qualcuno piace caldo'.

A qualcuno piace caldo (Some like it hot) di Billy Wilder del 1959

Nel 1954 e nel 1962, inoltre, viene premiata con l'Henrietta Award come migliore attrice del mondo. (AGI)