California boccia il John Wayne Day, "era razzista"

L'ira del deputato che lo ha proposto: "E' come opporsi alla torta di mele, ai fuochi d'artificio, al baseball, alla libera impresa e al 4 di luglio"

California boccia il John Wayne Day, "era razzista"
john wayne 

Sacramento - No al 'John Wayne Day', l'attore western per eccellenza era razzista. Cosi' i parlamentari della California hanno bocciato la proposta di istituire una giornata per celebrare una delle leggende del cinema americano. L'idea di dichiarare John Wayne Day il 26 maggio, giorno della sua nascita, era stata avanzata dal repubblicano Matthew Harper. Ma ha incontrato l'opposizione di diversi parlamentari, a cominciare dal democratico Luis Alejo, che nel suo intervento ha puntato il dito contro le idee razziste dell'attore. In particolare, ricorda la stampa britannica, durante un'intervista a Playboy nel 1971 Wayne aveva sottolineato di "credere nella supremazia bianca fino a quando i neri non saranno educati alla responsabilita'".

"Non credo - ha aggiunto - nel dare autorita' e posizioni di leadership e giudizio a persone irresponsabili". Ma non aveva solo la popolazione nera nel mirino. L'attore western aveva anche difeso l'espropriazione da parte dei bianchi delle terre dei nativi americani, sostenendo che questi ultimi "stavano cercando egoisticamente di tenerle per loro". La mozione e' stata quindi respinta per 35 voti contrari e 20 favorevoli. Contro la decisione si e' scagliato Harper, infuriato per la prova di "ortodossia del politicamente corretto". "Opporsi alla risoluzione del John Wayne Day - ha sostenuto - e' come opporsi alla torta di mele, ai fuochi d'artificio, al baseball, alla libera impresa e al 4 di luglio". (AGI)