Bossetti condannato ergastolo per omicidio Yara

"Sarò anche un ignorante ma non sono un assassino" aveva detto, chiedendo di ripetere l'esame del Dna

Bossetti condannato ergastolo per omicidio Yara
 Massimo Bossetti

Milano - Massimo Bossetti è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio. Dopo due anni e mezzo dall'arresto, si è chiuso oggi, dopo un anno, il processo davanti alla Corte d'Assise di Bergamo per il muratore di Mapello. La 45esima e ultima udienza si era aperta con le parole di Bossetti che ha letto un foglio scritto di suo pugno per urlare ancora una volta la propria innocenza: "Sarò anche stupido, un ignorantone, un cretino, ma non sono un assassino; questo sia chiaro a tutti", ha affermato Bossetti che si è detto "convinto che la verita' sull'omicidio debba essere portata alla luce. Vorrei incontrare i signori Gambirasio, anch'essi vittime di chi non ha ancora saputo trovare il vero colpevole o i veri colpevoli. Ripeto: sarò un ingenuo, ma non un assassino".

Bossetti ha, quindi, chiesto la ripetizione dell'esame del Dna, per l'accusa la "prova regina" che dimostrerebbe la colpevolezza dell'imputato: "Quel Dna non è mio, vi imploro, ripetete il test", ha detto Bossetti che in conclusione ha spiegato che accettera' "il verdetto qualunque esso sia perchè pronunciato, ne sono convinto, in assoluta buona fede. Ma ricordatevi che se mi condannerete sara' il piu' grave errore giudiziario di questo secolo. Mi rendo conto che è molto difficile assolvere Bossetti, ma è molto piu' difficile sapere di aver condannato un innocente". Dopo le sue parole i giudici si erano ritirati in camera di consiglio. (AGI)