Perché Virginia Raggi è stata assolta

Il sindaco di Roma è stata riconosciuta innocente di fronte alle accuse di falso ideologico in atto pubblico per la vicenda della nomina del fratello del suo braccio destro, Raffaele Marra, alla Direzione Turismo

virginia raggi assolta
 Maria Laura Antonelli / AGF
 Virginia Raggi

Virginia Raggi è stata assolta "perché il fatto non costituisce reato". La Procura aveva chiesto 10 mesi di reclusione (con la concessione delle attenuanti generiche) per falso ideologico in atto pubblico in relazione alla nomina alla Direzione Turismo di Renato Marra, con la 'regia' del fratello Raffaele che era capo del Personale in Campidoglio. Alla lettura della sentenza, arrivata dopo nemmeno un'ora di camera di consiglio, la Raggi è scoppiata in lacrime, ha abbracciato i tre legali, baciato il marito e stretto le mani al Pm Dall'Olio - che ha annunciato ricorso in appello - e al giudice Ranazzi. 

L'assoluzione con la formula 'perché il fatto non costituisce reato' significa nell'interpretazione del giudice che manca l'elemento psicologico alla base del reato di falso ideologico in atto pubblico. E cioé che la condotta che la Procura ha attribuito alla sindaca sussiste (il riferimento è alla risposta inviata all'allora responsabile dell'Anticorruzione in Campidoglio che chiedeva lumi sul ruolo in concreto svolto da Raffaele Marra nella nomina del fratello Renato) ma manca la volontarietà del fatto lesivo. 

È un brutto colpo per i pm, i quali ritenevano che Marra, in virtù del suo ruolo centrale in Campidoglio, avesse favorito il fratello Renato nella nomina alla Direzione Turismo, con la sindaca Raggi pienamente consapevole. E invece gli avvocati Pier Francesco Bruno, Emiliano Fasulo ed Alessandro Mancori, che avevano chiesto l'assoluzione della sindaca, insistendo per la insussistenza del fatto contestato, sono almeno riusciti a convincere il giudice che la sindaca non abbia agito con volontà dolosa. 

"Questa sentenza spazza via due anni di fango. Andiamo avanti a testa alta per Roma, la mia amata città e per i nostri cittadini" 

Virginia Raggi

"Assolta. Con questa parola il Tribunale di Roma, che ringrazio e rispetto per il lavoro svolto, ha messo fine a due anni in cui sono stata mediaticamente e politicamente colpita con una violenza inaudita e con una ferocia ingiustificata. Due anni durante i quali, però, non ho mai smesso di lavorare a testa alta per i miei cittadini. Li ringrazio per il sostegno e l'affetto che mi hanno dimostrato. Per i miei cittadini in questi due anni sono andata avanti. A testa alta. Ho fatto tutto con correttezza e trasparenza nell'interesse di Roma, perseguendo gli ideali di giustizia nei quali credo fermamente", scrive Raggi sul suo profilo Facebook.

"Vorrei liberarmi in un solo momento del fango che hanno prodotto per screditarmi, delle accuse ingiuriose, dei sorrisetti falsi che mi hanno rivolto, delle allusioni, delle volgarità, degli attacchi personali che hanno colpito anche la mia famiglia. Vorrei, soprattutto, che questo fosse un riscatto per tutti i romani, di qualsiasi appartenenza politica, perché il loro sindaco ce la sta mettendo tutta per far risorgere la nostra città. Non provo rancore nei confronti di nessuno. Mi auguro che quanto accaduto a me possa divenire una occasione per riflettere: il dibattito politico non deve trasformarsi in odio. Adesso vorrei che i cittadini, tutti, collaborassero alla rinascita di Roma. Rimbocchiamoci le maniche: da domani si torna al lavoro. Ancora più forti". 

Leggi anche: Due anni e mezzo sull'ottovolante 

Al di là di quanto prevede il 'codice etico' dei Cinque Stelle, un'eventuale condanna penale di Virginia Raggi per falso nella vicenda della promozione di Renato Marra a capo dell'ufficio Turismo avrebbe aperto diversi scenari:

  • le dimissioni della stessa sindaca, volontarie o a seguito di una possibile consultazione tra gli iscritti M5S su Rousseau sul suo futuro;
  • una sua uscita dal Movimento con proseguimento del mandato senza simbolo, a cui però dovrebbe seguire una mossa analoga di almeno 25 dei 28 consiglieri capitolini pentastellati;
  • una sua sospensione dall'incarico in attesa di scontare la pena con Palazzo Senatorio affidato al vicesindaco all'insegna della continuità dell'amministrazione.

Insomma, tante le ipotesi che ora perdono senso. 

La gestione del Campidoglio, la direzione di marcia della politica romana per il 2019, i futuri rapporti tra i due alleati di governo Lega e M5S: tutto dipendeva da questa sentenza. 

In Campidoglio sms, fiori e telefonate

Arrivata in Campidoglio dopo la sentenza, Virginia Raggi, a quanto si apprende, ha ricevuto consiglieri comunali M5s, militanti e amici che si sono congratulati con lei per l'esito del processo. Alla sindaca sono arrivati molti sms, telefonate di incitamento, e anche mazzi di fiori da alcuni cittadini.

"Ho avuto modo di sentire i vertici del Movimento, ho anche ricevuto un sms da Matteo Salvini e una telefonata dall'ex premier Matteo Renzi, con i quali mi sfiderò tutti i giorni sul campo", ha poi rivelato la sindaca in un'intervista al Tg1, "io credo che i cittadini si siano accorti che i media talvolta si parlano addosso mentre forse dovrebbero occuparsi maggiormente dei problemi dei cittadini. Ho altri tre anni di duro lavoro che mi aspettano, vado avanti a testa alta". Quanto alla richiesta di dimissioni da parte delle opposizioni, Raggi ha replicato: "Pensassero a lavorare".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.