Tunisia: in un fine settimana rientrati 1. 400 turisti italiani

(AGI) - Roma, 30 giu. - I tour operator Astoi ConfindustriaViaggi hanno gestito il rientro in Italia dalla Tunisia dicirca 1.400 italiani, dopo l'attentato sulla spiaggia diSousse. Lo ha annunciato, in un comunicato, il presidente diAstoi Confindustria Viaggi, Luca Battifora. "A nome di tutte le imprese associate ad AstoiConfindustria Viaggi, il primo pensiero e' rivolto allevittime, ai loro familiari e a tutti coloro che sono staticoinvolti in questa drammatica vicenda", ha sottolineatoBattifora. "Durante il week end fino a ieri sera, i Touroperator associati ad Astoi hanno gestito il rientro in Italia

(AGI) - Roma, 30 giu. - I tour operator Astoi ConfindustriaViaggi hanno gestito il rientro in Italia dalla Tunisia dicirca 1.400 italiani, dopo l'attentato sulla spiaggia diSousse. Lo ha annunciato, in un comunicato, il presidente diAstoi Confindustria Viaggi, Luca Battifora. "A nome di tutte le imprese associate ad AstoiConfindustria Viaggi, il primo pensiero e' rivolto allevittime, ai loro familiari e a tutti coloro che sono staticoinvolti in questa drammatica vicenda", ha sottolineatoBattifora. "Durante il week end fino a ieri sera, i Touroperator associati ad Astoi hanno gestito il rientro in Italiadi circa 1.400 connazionali. Alcuni clienti, attualmente indestinazione, hanno chiesto di poter proseguire il lorosoggiorno fino alla prossima settimana, come da prenotazioneeffettuata. Lo scorso venerdi'", ha proseguito Battifora,"appresa la notizia praticamente in tempo reale, e' stataimmediatamente attivata la nostra Unita' di Crisi interna econvocata una riunione con tutti i tour operator coinvoltisulla destinazione, per coordinare la gestione operativa diquesta emergenza, rimanendo al contempo in costante contattocon la Farnesina, le autorita' tunisine e con il personale inloco dei singoli tour operator". "Questo terribile attoterroristico", ha continuato il presidente di Astoi, "riportaall'attenzione di tutti quanto da noi gia' evidenziato ediscusso nel convegno su 'Globalizzazione del rischio e turismoconsapevole', tenutosi la scorsa settimana in Confindustria,ovvero l'esigenza di ridisegnare regole e comportamenti in unquadro internazionale profondamente mutato. Ad oggi, nonostantela gravita' di quanto accaduto, nessun ministero degli Esteridei principali Paesi Europei (Italia, Gran Bretagna, Francia,Spagna e Germania) ha emesso formalmente uno 'sconsiglio' sullaTunisia, a dimostrazione -ha sottolineato Battifora- di comestiano cambiando i parametri di valutazione delle autorita'preposte. E' per questo che gli addetti ai lavori del compartoturistico ed i consumatori dovranno 'fare quadrato' perdefinire di comune accordo regole che consentano trasparenzanei diritti e doveri di imprese e viaggiatori. Con questospirito", ha concluso Battifora, "i tour operator Astoi hannodeciso venerdi' stesso di assicurare ai clienti che avevanoscelto la Tunisia come meta delle loro vacanze, la massimaflessibilita' su riprotezioni e/o annullamenti per partenzefuture. In questo delicato frangente, abbiamo ritenuto doverosofarci carico di qualsiasi onere per tutelare ed agevolare inostri clienti. Certamente non posso garantire che una similecondotta sia sempre possibile, o forse e' meglio diresostenibile, per le imprese del comparto, ma e' chiaro chetutti dobbiamo interpretare questo cambiamento condividendone irischi e, soprattutto, senza mai abdicare -ha concluso- aquesta strategia del terrore messa in atto con il primarioscopo di infondere paura ed insicurezza". (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it