Terrorismo: sgominata prima cellula Isis in Italia, 10 arresti

(AGI) - Milano, 1 lug. - Doppia operazione contro il terrorismointernazionale e per la prima volta compare in Italia unacellula di affiliati all'Isis, composta anche da italianiconvertiti all'Islam. Due le inchiesta partite dalle procure diMilano e Roma e condotte la prima della Polizia di Stato con laDigos e la seconda dai Ros dei Carabinieri. Dieci gli arrestiordinati dai magistrati milanesi: "e' la prima indagine sulloStato Islamico in Italia, tra le prime in Europa". Ha spiegatoil procuratore aggiunto Maurizio Romanelli secondo il quale lacellula "non progettavano attentati in Italia" ma gli affiliati

(AGI) - Milano, 1 lug. - Doppia operazione contro il terrorismointernazionale e per la prima volta compare in Italia unacellula di affiliati all'Isis, composta anche da italianiconvertiti all'Islam. Due le inchiesta partite dalle procure diMilano e Roma e condotte la prima della Polizia di Stato con laDigos e la seconda dai Ros dei Carabinieri. Dieci gli arrestiordinati dai magistrati milanesi: "e' la prima indagine sulloStato Islamico in Italia, tra le prime in Europa". Ha spiegatoil procuratore aggiunto Maurizio Romanelli secondo il quale lacellula "non progettavano attentati in Italia" ma gli affiliatierano pronti a trasferirsi in Siria. Gli arrestati sono 4italiani, 5 albanesi e un canadese, accusati a vario titolo diassociazione con finalita' di terrorismo e organizzazione ditrasferimenti per finalita' di terrorismo. Si tratta diappartenenti a due due famiglie poi imparentatesi tra di loro.Al centro la figura di Maria Giulia Sergio, 28 anni, (Fatima)convertitasi dopo aver sposato un uomo di fede islamica AldoKobuzi, e trasferitasi con lui in Siria. E' stata lei aconvincere a sposare la causa della jihad la madre, il padre ela sorella, arrestati oggi insieme ad altri arresti tra i qualiuna zia Kobuzi. Perquisizioni e arresti anche a Bergamo,Grosseto e in Albania. Intercettati anche i contatti con uncoordinatore del reclutamento dell'Isis che agiva dalla Turchiae organizzava i trasferimenti in Siria. Due maghrebini invece sono stati arrestati dai Ros a Roma,accusati di associazione con finalita' di terrorismointernazionale aggravata dalla transnazionalita' del reato. Unterzo indagato e' gia' detenuto per reati di terrorismo inMarocco. L'indagine e' la prima in Italia riguardante uno deiforum affiliati ad al-Qaida, creati a partire dalla prima meta'degli anni 2000 da simpatizzanti dell'organizzazione fondata daBin Laden, al fine di sostenerne il programma terroristico. Loscopo di tali forum - spiegano gli investigatori - e' di"diffondere l'ideologia di al-Qaida allo scopo di formare nuoviproseliti". Il tunisino Ahmed Masseoudi, aveva registratopresso una societa' statunitense il dominio "i7ur.com",acronimo arabo di "Ashak al-Hur", in italiano "Amanti dellevergini", denominazione fortemente simbolica, in quanto le Hursono le vergini assegnate in Paradiso ai martiri morti inbattaglia. Secondo gli investigatori, il forum offriva "unaserie di contenuti, da quelli prettamente ideologici, qualivideo dei leader di al-Qaida o fatwe emesse da ulema affiliatiall'organizzazione, a quelli piu' specificamente operativi,come testi apologetici del terrorismo, commenti inneggiantiagli autori di attentati terroristici al fine di indurre ilcompimento di altri, sia in Occidente, sia nei Paesi musulmanii cui governi sono ritenuti 'apostati'". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it