La procura di Avellino ha messo sotto sequestro 12 viadotti poco sicuri

Il provvedimento scaturito dall'inchiesta bis sulla manutenzione della Napoli-Canosa seguita al processo per la strage di Acqualonga del 2013 (40 morti)

strage bus sequestro viadotti avellino
 Wikipedia Commons

Carenti sotto il profilo della sicurezza per l'incolumità pubblica. Così la procura di Avellino ritiene 12 viadotti del tratto irpino dell'autostrada A16 Napoli - Canosa, tra le uscite di Baiano e Benevento. Sequestro quindi nell'ambito dell'inchiesta bis sulla manutenzione dell'arteria autostradale scaturita dal processo per la strage di Acqualonga del 28 luglio 2013, quando 40 persone a bordo di un bus turistico malandato e con il sistema frenante guasto morirono dopo essere precipitate dal viadotto con quel nome.

I sigilli giudiziari sono stati disposti nuovamente per il viadotto Acqualonga, e anche per altri 11 ponti, in particolare Pietra Gemma, Carafone, Vallonato I e II, F.Lenza Pezze, Scofeta Vergine, Sabato, Boscogrande, Francia, Vallone del Duca e Del Varco. Tre dirigenti di Autostrade per l'Italia risultano indagati per una serie di omissioni. Si tratta di Michele Renzi, ex direttore di tronco di Cassino, Massimo Giulio Fornaci e Costantino Ivoi. 

Renzi è stato già condannato in primo grado a cinque anni di reclusione nel processo per l'incidente di Acqualonga. Fornaci è stato invece assolto. Il terzo dirigente ha invece testimoniato nel processo. L'inchiesta avviata sul finire del processo parte proprio da alcuni atti processuali.  Il traffico lungo il tratto irpino della A16 resta aperto ma potrebbero esserci disposizioni per la limitazione della velocità per sopperire alle presunte carenze di materiali e sistemi di protezione.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it